Ventotto incalliti criminali brasiliani sono scappati da un carcere con un piano che ha funzionato alla perfezione, con l'aiuto di tre donne che si sono avvicinate al personale di guardia in tenuta adescante, con una buona percentuale di pelle scoperta, e li hanno invitati con la promessa di un'orgia e poi li hanno drogati con whisky a buon mercato.

I tre guardiani sono stati in seguito ritrovati all'interno dell'istituto di pena Nova Mutum vicino Cuiaba in Brasile centrale, ammanettati ai letti, come hanno riferito domenica i giornali.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

Una volta immobilizzati, le complici dei reclusi hanno preso loro le chiavi che hanno sbloccato le celle così che alcuni sono riusciti a fuggire dalla porta principale della prigione.

L'evasione è avvenuta giovedì scorso, ed insieme ai detenuti sono mancanti anche un certo numero di armi e di munizioni. Finora sono stati riacciuffati solamente otto dei 28 fuggitivi.

Il London Daily Mirror ha riportato in un articolo che le tre donne seduttrici hanno lasciato sul luogo del misfatto un sacchetto contenente lingerie ed uniformi sexy della polizia che hanno usato per il ruolo di dominatrici. Un altro giornale ha inoltre affermato che la foto di una delle guardie implicate nell'azione, completamente nuda, è stata condivisa migliaia di volte sui social media. Sembra che le donne abbiano bussato alla porta blindata e chiesto alle guardie se potevano entrare per "chiacchierare e bere". Secondo il capo della polizia Angelina de Andrades Ferreira lo scopo era quello di sedurre i dipendenti carcerari e metterli fuori uso.

I migliori video del giorno

"Dal momento che hanno bevuto il whisky, gli agenti non ricordano più nulla", ha detto il dirigente in una conferenza stampa, secondo il Mirror. "Uno ha detto di essere stato colpito da vertigini, e che non ce l'ha fatta a a svegliarsi, mentre un altro ha dormito tutto il pomeriggio e non si è accorto di nulla."

L'organizzatore della fuga sembra sia stato stato Bruno Amorim, di 18 anni, dietro le sbarre per un omicidio ed una tentata rapina, che ha ideato la strategia di evasione poco usuale ma funzionante, utilizzando la propria ragazza ed un paio di amiche per aiutarlo nell'impresa. Un detenuto è stato ritrovato sulla strada, visibilmente ubriaco, mentre brandiva una delle pistole rubate, mentre un altro è stato catturato dopo che si è schiantato contro un muro con un pick-up rubato da una fattoria.

La fuga ha lasciato dietro di sé le tre guardie accusate di aver facilitato l'evasione e con tanta vergogna per come si sono svolti i fatti.