È durato 77 anni il mistero sulla scomparsa di Ettore Majorana, il geniale fisico italiano sparito senza lasciare tracce nel 1938. È questa la conclusione di un'inchiesta avviata dalla procura di Roma nel 2011 dopo che del caso si era occupata la trasmissione televisiva Chi l'ha visto?

Ettore Majorana: un ragazzo di via Panisperna

Ettore Majorana era un brillante fisico catanese, faceva parte dei cosiddetti "ragazzi di via Panisperna", un gruppo di scienziati italiani che, negli anni Trenta, diede un contributo decisivo agli studi sull'energia atomica.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

Di Majorana si perse ogni traccia il 26 marzo del 1938, quando si imbarcò su una nave che doveva portarlo da Palermo a Napoli. Aveva solo 31 anni, ma già godeva di una fama nell'ambiente scientifico che lo paragonava a geni del calibro di Newton e Einstein.

Sul mistero della sua scomparsa nacquero leggende che non ebbero mai modo di essere verificate, inducendo anche lo scrittore Leonardo Sciascia a dedicargli un libro-inchiesta nel quale si ipotizzava il suo volontario rifugio in convento, in fuga dalle sue stesse sconvolgenti scoperte sull'atomo e sulle sue possibili applicazioni belliche. Una tesi che contrastava con quella, maggiormente accreditata, del suicidio.

Ettore Majorana: lo scoop di Chi l'ha visto

Il mistero della scomparsa di Ettore Majorana sembrava dovesse rimanere tale fino a quando, il 15 febbraio 2008, non torna ad occuparsene la trasmissione televisiva Chi l'ha visto? In quella occasione si fece vivo un signore, Francesco Fasani, che sosteneva di aver conosciuto negli anni Cinquanta, in Venezuela, una persona che di faceva chiamare Bini ma che, in realtà, era proprio Ettore Majorana.

I migliori video del giorno

A sostegno del suo racconto, una fotografia del signor Bini-Majorana e una cartolina, recuperata sulla sua auto (Fasani era un meccanico), indirizzata negli anni Venti da Quirino Majorana, zio dello scienziato scomparso, ad un collega americano. Le indagini avviate dalla procura di Roma sulla base di queste nuovi elementi, hanno portato all'archiviazione del caso con la conclusione che "Ettore Majorana si è allontanato volontariamente trasferendosi all'estero" e che ha certamente vissuto tra il 1955 e il 1959 in Venezuela. Certezze maturate anche in base alle comparazioni fisiognomiche tra i caratteri somatici della persona ritratta nella foto con quelli dei parenti dello scienziato scomparso.

Uno dei misteri più inspiegabili del Ventesimo secolo sembra così essere spiegato, anche se, probabilmente, nessuno saprà mai quali furono le reali motivazioni che spinsero Ettore Majorana, uno degli scienziati più brillanti del suo tempo, a scomparire in modo così repentino e come fece a non lasciare nessuna traccia.