Sono passati oltre tre anni dalla tragedia della Costa Concordia, consumatasi il 13 gennaio 2012 che costò la vita a ben trentadue persone. Un evento che ha avuto un forte impatto sull'opinione pubblica e che ha lasciato una scia di polemiche riguardanti l'atteggiamento non irreprensibile del Comandante Francesco Schettino, definito dal Pm Maria Navarro perfino "un incauto idiota". Fatto sta che ha ricevuto una condanna in primo grado di 16 anni, a fronte di una richiesta di 26 anni con tanto di arresto immediato per timore di una possibile fuga.

L'iniziativa in Garfagnana

Una vicenda che non termina ovviamente qui e che solleciterà ancora l'opinione pubblica.

Come fa ad esempio una singolare iniziativa artistica nell'alta Garfagnana, nei pressi del Lago artificiale Vagli. A lui e al Capitano Gregorio De Falco (diventato famoso per il sollecito via telefonica "vada a bordo ca**o!" diventato un cult in rete) sono state dedicate infatti due statue. Che non passeranno certo inosservate.

Schettino con le orecchie da coniglio

Come spiega il quotidiano La Nazione, con tanto di foto, la statua è intitolata 'Il disonore' e rappresenta il comandante Schettino con le orecchie da coniglio e nell'atto di fuggire. Di lì poco distante il Capitano De Falco, posto più in alto di lui, che invece richiama 'L'onore'. A volerla il sindaco di Vagli, Mario Puglia, che aveva anticipato l'iniziativa qualche giorno fa. Il tutto per far sì che quella tragedia non sia dimenticata.

I migliori video del giorno

Un ricordo pittoresco insomma.

Il Lago artificiale Vagli

Ricordiamo che il Lago Vagli è di tipo artificiale e fu realizzato nel 1953 mediante una diga al fine di realizzare una centrale a energia idroelettrica. Si pensi che per realizzarlo i cittadini furono costretti ad evacuare, infatti sul suo fondale giace un borgo medioevale. Un'opera moderna che oggi avrebbe fatto storcere il naso agli ambientalisti e agli archeologi, ma che all'epoca, in pieno boom economico senza particolare sensibilità ambientalista, fu vista come opera di ammodernamento della zona.

Insomma, la tragedia della Concordia consumatasi nei pressi della stupenda isola del Giglio è destinata ancora a far discutere e stimolare la fantasia popolare.