Un documento interamente scritto in italiano che esorta a prendere le armi per unirsi all'Isis. Ecco qual è la nuova mossa dello Stato Islamico. Sessantaquattro pagine che sono rivolte a tutti i musulmani che vivono in Italia e che, secondo i jihadisti, dovrebbero unirsi all'Isis. Il documento sta circolando ampiamente sul web e s'intitola "Lo Stato islamico, una realtà che ti vorrebbe comunicare", come riporta anche il "Fatto Quotidiano". A scovare il documento è stato il sito "Wikilao", che da sempre tratta i temi della sicurezza. 

Sul web circola documento di propaganda: 'Conquisteremo Roma e Costantinopoli'

Il documento potrebbe essere stato scritto da alcuni italiani che si sono già uniti allo Stato Islamico e sta circolando sul web da più di tre mesi; il testo presenta delle istruzioni per unirsi all'Isis ed è sostanzialmente un documento d'informazione per tutti coloro che vogliono avvicinarsi a questa realtà.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

La propaganda è molto palese, dato che si trovano espressioni come "Accorrete, o Musulmani, questo con il permesso di Allah, è il Califfato Islamico che conquisterà Costantinopoli e Roma, come profetizzò Muhammad".

Il documento continua poi con una sorta di concentrazione di temi propagandistici del jihadismo, attraverso i quali i "novellini" possano capire gli ideali su cui si fonda lo Stato Islamico, che viene descritto dai militanti come "una vera e propria rivoluzione". Seguono poi delle indicazioni sul sistema economico che i jihadisti vorrebbero adottare e sui loro usi e costumi. Ciò che emerge è lo stile di propagando che i militanti usano per cercare di convincere i musulmani italiani a prendere le armi e ad unirsi all'Isis. Vengono menzionati i Paesi dove è già penetrato lo Stato Islamico, con una lode anche ad Internet, che ha facilitato la comunicazione tra i "fratelli Musulmani". Nel documento si possono leggere anche varie interviste, come per esempio quella al capo della polizia islamica.

I migliori video del giorno

Il testo è firmato da un certo Mehdi. Intanto, un nuovo video dell'Isis ritrae tre minorenni jihadiste inglesi che hanno lasciato casa, amici e famiglia per combattere a fianco del Califfato. Sono state filmate ad Istanbul.