Ancora un fatto di sangue che riguarda le donne. L'omicidio è avvenuto ieri sera a Zivignago, una località turistica del Trentino Alto Adige. Carmela Morlino, questo il nome della vittima, aveva appena 36 anni. Il suo corpo martoriato è stato trovato dai vicini di casa, che hanno immediatamente chiamato le Forze dell'ordine. Secondo le ricostruzioni di quanto avvenuto, ad uccidere Carmela sarebbe stato proprio il marito Marco Quarta. L'uomo, di 30 anni, era stato denunciato dalla stessa Morlino per maltrattamenti e stava scontando la pena agli arresti domiciliari dalla scorsa estate. I due avrebbero avuto un forte litigio durante la serata. I figli piccoli, assistendo alla scena, si sono spaventati ed hanno chiesto aiuto ai vicini di casa, attirati dalle urla disperate dei piccoli.

La lite è poi degenerata nella tragedia. L'uomo ha perso letteralmente la testa, ha colpito la moglie con sette o otto coltellate. Dopo l'omicidio, ha preso la macchina e si è dato alla fuga, prendendo la strada che porta alla montagna vicina. La coppia risiedeva dal 2006 in un appartamento a Zivignago, una piccola frazione di Pergine Valsugana. La località è situata nelle immediate vicinanze della montagna della zona, la Panarotta. Il marito in fuga sarebbe stato visto dai vicini. Il marito di Carmela Morlino non è un volto nuovo alle Forze dell'Ordine di Zivignago. La scorsa estate era infatti stato arrestato per ripetuti maltrattamenti alla moglie. L'uomo aveva ottenuto gli arresti domiciliari, che stava scontando a Sant'Orsola, nell'abitazione in cui aveva deciso di trasferirsi e distante pochi chilometri da Zivignago, luogo dell'omicidio efferato.

I migliori video del giorno

Oltre all'arresto, al marito di Carmela era stato ordinato esplicitamente di non avvicinarsi alla moglie. Marco Quarta, dopo aver ucciso la moglie, ha avuto sangue freddo ed è fuggito in macchina. In seguito alla chiamata dei vicini ai Carabinieri, si sono immediatamente attivate le ricerche in tutta la zona. Del killer però, almeno fino ad ora, nessuna traccia.