La moglie di Bossetti avrebbe portato un paio di coltelli in carcere tenuti ben nascosti nella sua borsa, ed avrebbe poi chiesto al marito cosa farne."Buttali" le avrebbe detto Massimo Giuseppe Bossetti. Se le cose fossero andate in tal modo, ciò sarebbe un fatto gravissimo. Il colloquio tra il marito e la moglie è stato registrato e ripreso dalle telecamere, il tutto è ora al vaglio degli inquirenti. Il colloquio è infatti agli atti e ritenuto degno di indagini, ma è davvero possibile che Marita abbia buttato via codesti due coltelli e che li abbia portati nella sua borsa? Ci si chiede inoltre se uno di questi coltelli sia compatibile con quello che ha tolto la vita alla piccola Yara Gambirasio.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

Bossetti, primo ed unico indagato - Dalle indagini è emerso il lavoro freddo e certosino degli inquirenti, ma è emersa anche una delle famiglie italiane, con le sue debolezze e con le sue menzogne.

Menzogne queste, che partono da lontano e sembrano non arrestarsi tutt'ora, neanche davanti all'evidenza. C'è da dire questo, il Ventisei Febbraio 2015 la procura di Bergamo ha messo la parola fine all'inchiesta riguardo l'omicidio della piccola Yara Gambirasio. Quattro anni, sessanta faldoni, cinquantamila pagine ed un unico indagato. Si tratta proprio di Massimo Bossetti, muratore di Mapello sposato e con tre figli. Il sedici Giugno del 2014 gli inquirenti sono andati ad arrestarlo nel cantiere in cui stava lavorando, chiudendo poi le indagini in un giorno simbolico, ossia quello del ritrovamento della ragazzina di Brembate, proprio quando le speranze di ritrovare il corpo stavano svanendo. Quando furono rinvenuti i resti della piccola Yara, era infatti il ventisei Febbraio del 2011. Bossetti dopo l'arresto è divenuto il primo (e finora unico) indagato.

I migliori video del giorno

Tuttavia c'è un'intera famiglia che si pone delle domande, prima di tutto bisogna sprecare qualche parola riguardo Ester, la madre di Bossetti, e le sue nuore. Nel giorno dell'arresto dell'uomo, nella sala d'attesa della caserma, erano presenti Laura Letizia, sorella di Massimo, la madre Ester Arzuffi e le nuore di lei: Marita, moglie di Bossetti, e Monica, la moglie del fratello. Le due donne si sono rivolte alla suocera in tale occasione, con una sola domanda: "Di chi è figlio Massimo?". In effetti è una domanda lecita vista i risultati del dna: Massimo è davvero figlio di Guerinoni e non di Cesare Bossetti? Se fosse così, significherebbe che Ester ha mentito a tutti per più di quarant'anni.