Emergono clamorose novità sul delicatissimo caso di Guerrina Piscaglia, la cinquantenne di Cà Raffaello scomparsa l'1 maggio dell'anno scorso e della quale si sono perse completamente la tracce. Tre settimane fa sembrava molto vicina la svolta in questa triste vicenda, dato che sono stati trovati resti ossei in un cimitero situato a San Gianni, un paesino tra Cà Raffaello e Sestino. Tuttavia, le analisi scientifiche hanno dimostrato che i resti ossei appartengono ad un uomo di circa quarant'anni e non a Guerrina Piscaglia. Perciò, il mistero s'infittisce sempre di più; dov'è finita la casalinga cinquantenne? Sarà ancora in vita? Sono queste le domande degli inquirenti, i quali stanno cercando di capire la vera natura del rapporto tra Guerrina e Padre Gratien, il religioso congolese che indagato per sequestro di persona.

Il sacerdote mente o dice la verità? Intato, le ultime news sul caso si concentrano sulla testimonianza shock di una bidella che lavora nella scuola frequentata dal figlio della donna scomparsa. Vediamo quali sono state le sue parole.

Ultime news Guerrina Piscaglia, clamorosa testimonianza della bidella: ecco i dettagli

Nell'ultima puntata di "Pomeriggio Cinque", la nota tramissione condotta da Barbara D'Urso, a prendere la parola sul caso di Guerrina Piscaglia, è stata la bidella della scuola che frequenta il figlio della donna scomparsa, la quale ha rilasciato una testimonianza shock: "L'ha uccisa il sacerdote; l'ha assassinata perchè era incinta e ha nascosto il suo corpo nella botola del cimitero di San Gianni". La donna non ha dubbi: il responsabile della scomparsa della casalinga cinquantenne sarebbe Padre Gratien Alabi, il prete per il quale Guerrina Piscaglia avrebbe perso la testa.

I migliori video del giorno

Secondo i suoi amici e conoscenti, la donna di Cà Raffaello non avrebbe mai abbandonato il suo paese la sua intera famiglia di sua spontanea volontà; tuttavia, emerge un'iportante testimonianza, riportata dal marito di Guerrina Piscaglia, Mirco Alessandrini. La casalinga di Cà Raffaello, infatti, poco tempo prima che si perdessero definivamente le sue tracce, gli avrebbe confidato: "Prima o poi ti faccio una sorpresa". Dunque, il caso si fa sempre più complesso.