Continua l'immigrazione tra dramma ed emergenza, non si fermano gli sbarchi sulle nostre coste ed in pochi giorni sono stati salvati 7000 migranti, mentre 500 sono state le vittime dall'inizio dell'anno. I problemi non sono finiti quì, in quanto adesso c'è anche l'emergenza degli alloggi, il Viminale ha chiesto di trovare delle alternative a questo punto. I centri di accoglienza sono allo stremo e si è ipotizzato a questo proposito di poter utilizzare le caserme. Molto eloquente il servizio di Lucrezia Agnes, inviata del TG5, che ci informa che la notte al porto di Palermo è stata spossante per i soccorritori, quì infatti sono sbarcate 1169 persone, tra le quali 300 donne e 50 bambini.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Politica

Sono sbarcati dalla nave Gregoretti della guardia costiera, che li ha recuperati e trasbordati da imbarcazioni di fortuna.

I perigliosi viaggi della speranza.

Con l'arrivo della primavera e del bel tempo, sono ricominciati i viaggi della speranza, stamattina, poco prima delle 10:00, è arrivata nel porto di Reggio-Calabria la nave Orione della marina militare, con a bordo 677 migranti ed il corpo di una donna morta per annegamento.

Presente anche un bambino in buone condizioni di salute, nato nelle prime ore del mattino su un barcone partito dalla Libia. Ieri uno di questi viaggi della speranza è finito in maniera drammatica, ad 80 miglia al sud di Lampedusa, un' imbarcazione si è infatti rovesciata, aveva a bordo 140 migranti, dieci le persone che hanno perso la vita. A Ragusa è stato fermato il presunto scafista dello sbarco di Pozzallo, il quale ora è accusato di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina e ritenuto responsabile della morte di un uomo, deceduto durante la traversata. Il corpo sarebbe stato in seguito gettato in mare e dato in pasto agli squali.

Dall'inizio del 2015 sono stati già 16000 i migranti arrivati nel nostro paese, 500 i morti, nello stesso periodo dell'anno scorso le vittime erano state 50.

I migliori video del giorno

Come già detto, la situazione è già al collasso ai centri di accoglienza e sarebbero quindi necessari alloggi alternativi. Secondo il la richiesta del Viminale ai prefetti, ci sarebbe bisogno di altri 6500 posti; secondo l'agenzia dell'Unione Europea Frontex, nei prossimi mesi un milione di persone potrebbero partire dalla Libia. Un problema questo, che Renzi ha voluto discutere anche con i ministri degli esteri, interno e difesa. La proposta è di realizzare centri di raccolta profughi nei vari paesi di transito in Africa, per controllare chi abbia diritto d'asilo. Nel 2014, più di 200000 persone sono entrate illegalmente all'interno degli stati dell'Unione Europea.