Spunta il nome della Salernitana,la seconda squadra di Claudio Lotito, il patron della Lazio, nell’ultimo scandalo calcioscommesseche vede coinvolte oltre 30 squadre dei campionati di Lega Pro e Lega NazionaleDilettanti.

Dopo le prime notizie diffuse ieri sull'indagine dellaProcura della Repubblica di Catanzaro, emergono oggi dettagli su altre cinque partite che sarebbero state truccate e che riguarderebbero, secondoquanto scritto dall'agenzia Ansa, 3 squadre. Tra queste ci sarebbe la Salernitana, fresca vincitrice delgirone C del campionato di lega Pro e promossa in serie B.

Le intercettazionisu Lotito e la Salernitana.

Le nuove notizie trapelate sull’inchiesta su calcioscommesse e ‘ndrangheta, riferiscono di intercettazioni nelle quali viene fattoil nome di Claudio Lotito, indicato come proprietario nonsolo di Lazio e Salernitana, ma anche delle squadre di Bari e Brescia e come ilvero ‘manovratore’ del calcio italiano.

Sempre dalle telefonate intercettate, gli inquirenti sarebberovenuti a conoscenza delle nuove partite truccate, grazie ad indagati cheriferivano di aver avuto notizie sulla possibilità di scommettere su quellepartite perché i risultati erano stati concordati.

Le partite in questione vedrebbero coinvolte, oltre alla Salernitana, vincitrice del campionato,anche il Benevento, che milita nellostesso girone C della Lega Pro e che ha conteso fino all'ultimo la vittoria delcampionato alla squadra di Lotito el’Ascoli, inserito del girone Bdella stessa categoria.

Le reazioni alnuovo scandalo calcioscommesse.

In attesa degli ulteriori sviluppi dell’indagine ‘Dirty Soccer’, si registrano le prime reazioni da parte dei vertici delcalcio italiano, con le parole del presidente della Figc, Carlo Tavecchio, che ha affermato perentorio:‘Ripuliremo il calcio dai delinquenti e dai maneggioni’.

Tavecchio ha, inoltre, anticipato l’intenzione della Federazione dicostituirsi parte civile nel processo sullo scandalo calcioscommesseche seguirà le indagini di Catanzaro.

Il presidente della LegaSerie B, Andrea Abodi, ha chiesto di fare attenzionenel non fare di tutta l’erba un fascio, sottolineando che la Lega Serie B, almomento, non è coinvolta nell’inchiesta.

Parole dure anche dal presidente del Consiglio, Matteo Renzi, che dopo essersi definito ‘disgustato’ dall’ultimo scandalo calcioscommesse, ha fatto appello alla Federazione, alla Lega, alConi, affinchè ‘il calcio sia restituito alle famiglie’.