A più di un anno dalla scomparsa di Elena Ceste non è ancora stata scoperta la verità su questo caso, che è diventato un vero e proprio giallo da risolvere; secondo la Procura di Asti, la donna sarebbe stata uccisa dal marito Michele Buoninconti, il quale avrebbe poi nascosto il suo corpo nei pressi del Rio Mersa, il canale di scolo che si trova nei pressi della loro abitazione. Tuttavia, la difesa del quarantaquattrenne vigile del fuoco ha cercato di ricostruire quello che potrebbe essere accaduto la mattina del 24 gennaio di un anno fa, quando la trentasettenne mamma scomparve nel nulla. Come riferisce il settimanale "Quarto Grado", ci sarebbero ancora numerosi dubbi da risolvere su questa triste vicenda.

Pubblicità
Pubblicità

Qualcosa non torna: Michele Buoninconti non è colpevole?

Secondo la criminologa Ursula Franco, non sarebbe stato Michele Buoninconti ad assassinare la moglie; il settimanale ""Quarto Grado" scrive che due testimoni avrebbero dichiarato agli investigatori che Michele si sarebbe trovato a casa sua prima delle 9.00 del 24 gennaio. Tale versione contrasta nettamente con quella della Procura, secondo la quale l'uomo, alla stessa ora, avrebbe spogliato e assassinato Elena Ceste.

Pubblicità

Michele Buoninconti è dunque innocente? Secondo Ursula Franco, consulente della difesa, il quarantaquattrenne vigile del fuoco sarebbe innocente; la criminologa ritiene che Elena Ceste non sia stata assassinata, ma che sia morta per assideramento. La trentasettenne mamma di Costigliole d'Asti sarebbe uscita di casa in preda ad una crisi psicotica, andando in direzione del Rio Mersa.

Rito abbreviato per Michele Buoninconti?

Il Gip Giacomo Marson ha chiesto il processo abbreviato per Michele Buoninconti e, a breve, la difesa del vigile del fuoco dovrà decidere se richiedere o meno il rito abbreviato.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Serie TV Cronaca Nera

Se infatti il marito di Elena Ceste fosse condannato perchè riconosciuto come assassino della moglie, adrebbe incontro ad uno sconto di un terzo della pena. Le amiche di Elena Ceste stanno facendo di tutto per evitare che ciò avvenga: hanno infatti cretato una pagina Facebook contro Michele Buoninconti.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto