Proseguono a ritmo serrato le indagini per scoprire chi ha ucciso il povero Loris Stival, il bambino di otto anni, il cui corpo venne ritrovato lo scorso 29 novembre 2014, a Santa Croce Camerina, in località Vecchio Mulino. Se fino a qualche mese fa, gli indizi convergevano quasi esclusivamente sulla colpevolezza della madre, Veronica Panarello, da qualche settimana a questa parte, nuovi elementi sembrano aver completamente ribaltato le ipotesi degli inquirenti. La donna, rinchiusa nel carcere di Agrigento dal dicembre scorso, continua a sostenere la propria innocenza e la difesa, nella persona dell'avvocato Francesco Villardita, sta lavorando affinché venga accertata l'estraneità della donna in merito alla tragica vicenda. 

Il piccolo Loris non venne ucciso in casa?

Abbiamo parlato nei giorni scorsi dell'interrogatorio, chiesto ed ottenuto, da Veronica Panarello: sentita nuovamente dagli investigatori, la donna li ha invitati a porre maggiormente la loro attenzione sui componenti della famiglia del marito, Davide Stival perché potrebbero saltar fuori degli elementi importanti ai fini dell'inchiesta. Le ultime novità riguardano la perizia della difesa sul sangue che il povero Loris ha perso dal naso: secondo questi accertamenti, il bambino non sarebbe stato ucciso nella propria abitazione ma trasportato ancora vivo presso il Vecchio Mulino. Questa teoria farebbe crollare in maniera definitiva l'ipotesi dell'accusa, secondo cui Veronica Panarello avrebbe ucciso suo figlio in casa, in preda ad un raptus violento. 

Antonella Stival: 'Veronica è innocente, ecco perchè'

A difendere la donna, c'è anche (e soprattutto) la zia paterna di Davide Stival, Antonella, la quale è fermamente convinta che non sia stata Veronica ad uccidere Loris: analizzando, infatti, i fermi immagine relativi alla videocamera di sorveglianza del negozio posto dinanzi all'abitazione degli Stival, si comprende come la sagoma del bambino non possa essere quella della povera vittima, visto che la tonalità degli indumenti indossati da Loris era diversa. Inoltre, secondo l'analisi delle immagini riprese sulla strada che porta al Vecchio Mulino, la vettura non sarebbe la Polo di Veronica ma un'auto molto più somigliante ad una Fiat Punto. Se Veronica Panarello è davvero innocente, allora chi è stato ad uccidere il povero Loris Stival, ma soprattutto, chiediamoci, perché avrebbe compiuto un gesto così atroce? Per rimanere aggiornati costantemente sugli sviluppi delle indagini sul caso Loris Stival e sui più importanti episodi di cronaca, vi suggeriamo di cliccare sul pulsante 'Segui', posto in alto vicino al titolo dell'articolo.



Segui la pagina Cronaca Nera
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!