Grazie alle informazioni che ha fornito al momento della denuncia la donna violentata, gli agenti della polizia scientifica della Questura di Roma sono riusciti a elaborare e a diffondere l'identikit dell'aggressore che ha abusato sessualmente della donna dopo averla percorsa e infine rapinata dell'incasso, dando il via a una gigantesca caccia all'uomo. Si tratterebbe di un giovane italiano dal forte accento romano di circa 25-30 anni e dalla corporatura magra, alto circa 1 metro e 70, di carnagione chiara e capelli corti e mossi; vestito con camicia di jeans, pantaloni scuri e scarpe da ginnastica nere.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

"Chiunque possa fornire elementi utili per l'identificazione della persona ritratta nell'identikit, è pregato di contattare il numero di pronto intervento 113": Questo l'appello delle forze dell'ordine rivolto a tutta la popolazione e che questa mattina hanno eseguito un altro sopralluogo nella zona dell'aggressione per meglio ricostruire lo svolgimento dei fatti.

Al vaglio anche le registrazioni delle telecamere della zona che potrebbero aver ripreso l'uomo mentre prendeva il taxi o durante la corsa. All'interno dell'autovettura di servizio sono state compiute ulteriori verifiche al fine di rilevare eventuali tracce e impronte che l'aggressore avrebbe potuto lasciare.

Non si placano le polemiche

Continuano intanto le polemiche e le azioni di solidarietà in favore della donna vittima dell'aggressione. Dure le reazioni dei sindacati di categoria nei confronti degli amministratori della città e in particolare verso il sindaco Ignazio Marino: le più importanti strutture sindacali affermano in un comunicato congiunto che nelle ultime settimane diversi autisti di taxi sono rimasti vittime di violente aggressioni e rapine.

Nicola Di Giacobbe, coordinatore nazionale di Unica Taxi Cgil, dichiara che gli amministratori cittadini non possono più ignorare questi episodi che indicano livelli d'imbarbarimento molto alti.

I migliori video del giorno

Aggiunge inoltre di non pretendere le scorte ma una maggiore prevenzione e più presenza sulle strade delle forze dell'ordine.