Resta un mistero la morte di Domenico Maurantonio, 19 anni, di Padova, che si trovava a Milano in gita scolastica. Fin dall'inizio delle complesse indagini i genitori di Domenico hanno manifestato molte perplessità sul comportamento dei compagni di stanza, i quali però affermano di avere collaborato alle indagini e di sentirsi almeno in parte strumentalizzati dai media. I tragici fatti risalgono al 10 marzo scorso e ancora non si è riusciti a ricostruire cosa è successo.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

Nessuno era fuori di testa perché ubriaco

Secondo quanto riportato dai colleghi de "Il Mattino di Padova" due ragazzi avrebbero detto che nella camera dove alloggiavano non è accaduto nulla di particolare e nessuno aveva "alzato troppo il gomito" cioè nessuno era ubriaco.

Tra le prime ipotesi formulate, infatti, c'era appunto quella che Maurantonio fosse precipitato dal 5° piano in quanto stordito e confuso dall'alcool. Secondo l'importante testimonianza era stata consumata una bottiglia di liquore in cinque, decisamente poco per perdere la testa.

Una nuova ipotesi sulla caduta nel vuoto

I cinque amici hanno parlato e scherzato fono a tarda notte. Alle 3:20 si sono fatti fare una foto da Domenico, circostanza dimostrabile perché la foto è stata inviata via messaggistica WhatsApp all'intera classe. Dopo il rientro in stanza il gruppo si è messo a dormire ma alle 6:30 ci si è accorti che Domenico non era più nel letto. Si è pensato che fosse uscito, ma aveva dimenticato gli occhiali, lui che era miope. Secondo quanto scrive "Il Mattino di Padova" i compagni avrebbero pensato che Domenico potrebbe avere avuto un problema neurologico (ma di quale tipo? - ndc) e che, in stato confusionale, ha dunque confuso la porta d’uscita della camera con quella di entrata nel bagno.

I migliori video del giorno

Ricordiamo che nel corridoio c'erano escrementi. Con questa ennesima ipotesi il mistero si infittisce.

Per rimanere costantemente aggiornati su questa inquietante vicenda non dovete far altro che cliccare sul pulsante "segui" alla destra del mio nome in alto. Nelle prossime settimane ne sapremo certamente di più su questa drammatica vicenda di cronaca avvenuta a Milano.