Proseguono incessantemente le indagini relative al complesso caso di Domenico Maurantonio, lo studente diciannovenne morto nella notte tra il 9 e il 10 maggio, cadendo dal quinto piano dell'hotel "Da Vinci" di Milano, dove si trovava in gita con la scuola. Al momento ci sono più dubbi che certezze su questa triste vicenda. Le ultime news si concentrano sul livido trovato nell'avambraccio sinistro di Domenico Maurantonio e sono state diffuse da "L'Estate in diretta". Ecco tutte le novità sul caso. 

Ultime news Domenico Maurantonio, non è stato ucciso? Qualcosa non torna

Nell'ultima puntata de "L'Estate in diretta" si è parlato a lungo del caso di Domenico Maurantonio, il ragazzo di appena diciannove anni che in questo periodo avrebbe dovuto affrontare l'Esame di Stato.

Durante la discussione, Eleonora Daniele e Salvo Sottile hanno rivelato che non ci sarebbe nessuna prova a sostegno del fatto che Domenico Maurantonio sia morto accidentalmente. Secondo la maggior parte dei giornali, infatti, come il "Fatto Quotidiano", gli inquirenti sarebbero convinti del fatto che il ragazzo si sia trovato da solo prima di morire. In realtà questa tesi non è stata assolutamente confermata da fonti ufficiali e inoltre è stata confutata dal legale della famiglia Maurantonio, Eraldo Stefani. Per ora, sono solo due le certezza: il diciannovenne aveva tre grammi di alcol nel suo stomaco, segno del fatto che prima di morire probabilmente era ubriaco (considerando anche il fatto che di solito non beveva) e l'ematoma sul suo braccio sinistro. Il medico legale Montisci sostiene che esso sia la prova del fatto che Domenico Maurantonio sia stato afferrato da qualcuno prima di morire e che quindi qualcuno lo abbia spinto nel vuoto, uccidendolo.

I migliori video del giorno

Tuttavia, qualcosa non torna: sempre durante l'ultima puntata de "L'Estate in diretta", è emerso che sul livido dell'avambraccio di Domenico non sarebbe stata trovata nessuna traccia di Dna. Tale importante dettaglio confermerebbe l'ipotesi di una morte accidentale o comunque del fatto che nessuno si sarebbe trovato insieme a Domenico prima che lui morisse precipitando nel vuoto.