Dopo un'agonia durata un giorno è morto questa mattina nel reparto di rianimazione pediatrica del Policlinico di Messina, dove era ricoverato in coma farmacologico, il bambino di 5 anni precipitato sabato scorso dal balcone della sua abitazione sita al quarto piano di uno stabile di Barcellona Pozzo di Gotto in provincia di Messina. Purtroppo le condizioni del bambino erano apparse gravi sin da subito; a seguito della caduta aveva, infatti, riportato un forte trauma cranico e lesioni interne anche ai polmoni.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

L'immediato ricovero all'ospedale "Cutroni Zodda" di Barcellona -dove gli erano state prestate le prime cure dopo l'incidente- e il successivo trasferimento nel nosocomio messinese, purtroppo, non sono serviti a scongiurare la morte del minore.

La ricostruzione della vicenda

Sul caso stanno ora indagando i carabinieri e dalle prime ricostruzioni sembra che il bimbo -al momento del tragico incidente- fosse in casa da solo e dopo essersi sporto dalla ringhiera del balcone sia precipitato. Il volo di circa 9 metri d'altezza, probabilmente, è stato attutito dai fili della biancheria, che -secondo quanto riportato da Adnkronos.it- "hanno in qualche modo rallentato la caduta". La madre, sentita dagli inquirenti, avrebbe affermato invece di essere stata in casa con il figlio al momento del tragico evento, ma di "averlo perso di vista per un attimo".

Una comunità intera, quella di Barcellona Pozzo di Gotto, travolta dalla triste notizia, mentre si celebrano le elezioni amministrative per il rinnovo del Consiglio comunale dopo le dimissioni di Maria Teresa Collica a seguito della mozione di sfiducia presentata lo scorso febbraio da alcuni consiglieri.

I migliori video del giorno

La Collica, di nuovo in corsa per la carica di Sindaco, dovrà vedersela con altri 4 competitors (Giusi Turrisi, Giuseppe Sottile, Roberto Materia e Giovanni Munafò), ma purtroppo l'attesa per scoprire chi sarà il nuovo primo cittadino di Barcellona Pozzo di Gotto è stata squarciata dalla drammatica notizia della morte del piccolo Giuseppe.