Nuovo caso di malasanità si è sviluppato nella regione Calabria dove Massimo Girtanner, coordinatore cittadino di Fratelli d'Italia, racconta l'agonia di una donna iniziata il 22 agosto e giunta in vacanza in Calabria. Si tratta di Gilda Rizzo, una signora milanese giunta in Calabria per trascorrere un periodo di vacanza in relax ma le cose non sono andate come previsto. Il 22 agosto infatti la donna avrebbe cominciato ad avvertire dei forti dolori allo stomaco. Vediamo nel dettaglio l'odissea che ha subito.

Giorni di ritardo per le cure

La donna, dopo aver avvertito i primi dolori, si sarebbe immediatamente recata alla guardia medica e successivamente al pronto soccorso dell'ospedale di Tropea. Alla donna, dopo gli accertamenti, sono state somministrate due flebo e successivamente è stata mandata via con l'invito a ritornare nella struttura ospedaliera il 24 agosto per svolgere un'ecografia.

Il tutto è accaduto nonostante i valori delle analisi si sono mostrati abbastanza alterati. La signora Gilda Rizzo il 24 agosto si reca in ospedale ma qui l'ecografia non gli è stata fatta poichè l'ecografo era rotto da ben due mesi. Intanto i valori dell'emoglobina hanno subito un brusco calo. I medici la rimandano a casa prescrivendo dei semplici farmaci. Gilda ha continuato ad avvertire forti dolori e secondo quanto riporta il coordinatore di Fratelli d'Italia, i familiari l'hanno riportata alla guardia medica. Qui i dottori hanno ritenuto opportuno trasferirla nell'ospedale di Vibo Valentia in ambulanza. Nell'ospedale, tramite una Tac hanno riscontrato la perforazione all'intestino e i medici hanno deciso che era necessario l'intervento. Gilda però si trovava in pessime condizioni ed è stata portata in rianimazione, dove è morta il 25 agosto. 

I figli della donna, lacerati dal dolore hanno fatto denuncia alla questura affinchè ciò che è accaduto alla signora Rizzo non accada ad altri pazienti come lei anche se sono consapevoli che nessun risarcimento porterà in vita la povera donna milanese.

I migliori video del giorno

Per ulteriori news vi invitiamo a cliccare sul tasto Segui in alto.