Succede a Napoli, precisamente a Quarto. Un uomo armato di pistola entra all'interno della Farmacia "Del sole", punta una pistola verso il medico farmacista facendosi consegnare l'incasso, circa 3000 euro. Attimi di paura a Quarto (Na) durante l'ennesima rapina ai danni di commercianti messa a segno in pieno giorno. Giunti sul posto i Carabinieri non hanno esitato ad apprendere le notizie del caso, e hanno quindi messo a setaccio le registrazioni della videosorveglianza senza lasciare dimenticare nessun minimo dettaglio . 

Analizzate scrupolosamente le immagini acquisite, alle forze dell'ordine è saltato all'occhio uno strano particolare: una donna con in braccio una bimba di pochi mesi entra all'interno della farmacia, passa in rassegna gli scaffali cercando qualcosa, poi si gira verso la cassa e esce subito.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

Un'istante più tardi entra il rapinatore che, puntando la pistola dritto verso il farmacista, si fa consegnare l'incasso. 

La svolta delle indagini

Insospettiti dall'atteggiamento della donna i carabinieri di Napoli raccolgono informazioni, e si scopre che la signora con la piccola bimba in braccio, è residente proprio nel condominio di un parco al Corso Italia, esattamente di fronte alla farmacia rapinata, e che il marito è molto somigliante alla descrizione fatta del rapinatore. Per chiudere il cerchio, e per capire quanto di vero ci sia in questa vicenda, i carabinieri visionano le immagini della videosorveglianza del parco dove abita la donna, ed è lì che scoprono l'inimmaginabile: la donna ed il neonato sono moglie e figlia dell'uomo che ha rapinato la farmacia.

Gli investigatori perquisiscono a fondo l'abitazione dei sospettati ritrovando poi l'arma usata per la rapina, risultata essere una pistola giocattolo, ben occultata a casa dei suoceri, mentre presso l'abitazione dei coniugi vengono ritrovati già messi in ammollo i vestiti usati per effettuare il reato.   

L'arresto e la vergogna

Marito e moglie, rispettivamente di 35 e 29 anni, sono stati arrestati ed hanno ammesso subito le loro colpe davanti al G.I.P, mentre la piccola bimba, vittima inconsapevole di questa vicenda, è stata affidata ai parenti.Una città indignata Napoli, ha vergogna di mostrare quanto accaduto: la gente del posto non ci sta e non vuole accettare il fatto di vedere un bimba di soli 7 mesi essere costretta ad essere complice di una rapina.