A fuoco una gru sulla Statale 640 Caltanissetta-Agrigento, dove sono in corso opere per il raddoppio dell'arteria. A scoprire l'incendio sono stati gli operai del cantiere, nella prima mattinata, alle 7, proprio nel momento in cui stavano per avviare il turno di lavoro. Le fiamme, che avevano avvolto la cabina del mezzo, erano già sul punto di estinguersi e venivano spente completamente dagli stessi lavoratori, con gli estintori. Scattato l'allarme, sul posto arrivavano anche i Vigili del fuoco di Caltanissetta e gli agenti della Polizia scientifica, che effettuavano i rilievi.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Politica

Presenti anche i poliziotti della sezione Volanti, intervenuti per primi all’altezza dell’accesso numero 13. Avviati accertamenti e indagini per risalire alle cause dell'incendio.

La gru serviva per l'installazione del quarto ponte nello stesso tratto della "640".

I lavori sull'arteria

Cinque, complessivamente, gli anni per il completamento dei lavori di adeguamento a quattro corsie della Statale 640, dal chilometro 9,8 al chilometro 44,4. Dalla Valle dei Templi, a Sud di Agrigento, la strada attarversa anche i territori di diversi centri del Nisseno, terminando all'innesto con la Statale 626 per Gela. Si tratta di una dorsale di notevole rilevanza per la viabilità isolana, rappresentando un asse di penetrazione fondamentale per le aree interne. E' anche l'itinerario preferenziale per l'A19 che collega Palermo a Catania. Nel primo tratto l'ammodernamento riguarda trentuno chilometri, con sette svincoli e sessantasette rami di viabilità secondaria.

I migliori video del giorno

Cinque i viadotti previsti, per una lunghezza totale di sei chilometri circa.

La parte finale dell'infrastruttura ricade anche nell'Ennese

Il secondo "maxilotto" delle opere si trova tra il chilometro 44 e lo svincolo di Imera. I lavori sono stati avviati il 16 aprile 2012 e saranno consegnati nella primavera del 2016. Nel tratto in questione, l'ammodernamento riguarda poco più di ventotto chilometri. L'infrastruttura ricade nel Nisseno e, per la parte finale, nell'Ennese. Al termine, la strada avrà quattro corsie, due per sensi di marcia. Gli svincoli previsti sono sei. Massiccio negli anni il numero d'incidenti sulla stessa strada, spesso mortali.