Ha sconvolto tutta Italia il duplice omicidio avvenuto a Palagonia, in provincia di Catania, nel quale hanno perso la vita due coniugi: Vincenzo Solano, di sessantotto anni, e sua moglie Mercedes Ibanez, di settanta. Accusato dell'atroce delitto è Mamadou Kamara, giovane ivoriano di soli diciotto anni. Tale fatto di cronaca ha generato numerosissime polemiche: la figlia dei Solano, infatti, ha accusato duramente il premier Matteo Renzi, indicandolo come vero responsabile dell'omicidio.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

Il leader della Lega, Matteo Salvini, ha colto subito l'occasione per strumentalizzare il delitto, dichiarando che la colpa sarebbe solo della Stato italiano e della politica dell'accoglienza degli immigrati.

Frasi al vetriolo anche da parte della nota blogger Selvaggia Lucarelli, che si è schierata apertamente contro Rosita Solano, dichiarando: "Ha perso i genitori e la sua unica preoccupazione è quella di andare in televisione da Barbara D'Urso". In ogni caso, le indagini su questo crimine efferato continuano: ecco tutti i dettagli delle ultime indiscrezioni. 

Ultime notizie omicidio Palagonia, individuato il presunto complice dell'ivoriano

Secondo gli inquirenti sarebbe Mamadou Kamara, diciottenne originario della Costa d'Avorio, il principale responsabile del delitto. Il giovane avrebbe sgozzato Vincenzo Solano e poi buttato giù dal terrazzo sua moglie Mercedes Ibanez dopo averla violentata; si tratta di dettagli agghiaccianti che hanno letteralmente scosso l'opinione pubblica.

I migliori video del giorno

Nelle ultime ore, poi, sono emerse altre importanti indiscrezioni: Mamadou Kamara non avrebbe agito da solo e infatti sarebbe stato individuato un suo presunto complice, un maliano di ventitrè anni, Mouamhed Camara, anche lui residente al Cara di Mineo, lo stesso centro di accoglienza che ospitava Mamadou Kamara. Le immagini delle telecamere di sorveglianza di Palagonia, infatti, riprendono l'ivoriano nei pressi del luogo del delitto, mentre è sulla bicicletta appartenente a Mouamed Camara. Secondo gli inquirenti, inoltre, prima dell'omicidio, l'ivoriano avrebbe avuto un colloquio al telefono con il maliano.