Dopo quattro anni di indagini potrebbe essere molto vicino alla soluzione il caso di Yara Gambirasio, la tredicenne ginnasta scomparsa il 29 novembre 2010 e ritrovata morta pochi giorni dopo. L'unico sospettato dell'omicidio è Massimo Giuseppe Bossetti, che è stato arrestato il 16 giugno dell'anno scorso, mentre lavorava nel cantiere di Seriate. Questa mattina si è svolta la quinta udienza del processo al muratore di Mapello, accusato di avere ucciso Yara Gambirasio. A testimoniare sono stati gli investigatori che hanno condotto le indagini, facendo ventiquattromila prelievi di Dna, analizzando centoventimila telefoni cellulari e ventimila furgoni.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Serie TV

Durante l'udienza, gli investigatori hanno fatto riferimento ad alcuni comportamenti molto strani di Massimo Bossetti dopo la morte della povera Yara Gambirasio; per esempio, il fatto che non non mangi al solito posto durante la pausa pranzo o che faccia un prelievo in banca poco vicino alla casa della vittima pochi giorni dopo che sia stato erroneamente arrestato Mohamed Fikri.

Secondo le ultime indiscrezioni, potrebbe essere molto vicina la svolta sul delicato caso di Brembate. Ecco tutti i dettagli. 

Ultime notizie Yara Gambirasio, il furgone di Massimo Bossetti filmato sei volte

Massimo Bossetti ha assistito alla deposizione degli investigatori in jeans e maglia lilla, sempre abbronzato. Il carpentiere si è sempre dichiarato innocente, ma l'udienza di questa mattina potrebbe risultare decisiva per la sua condanna. Ad incastrare il muratore di Mapello, infatti, sono le telecamere poste intorno alla palestra che frequentava Yara Gambirasio, che proprio il 26 novembre di cinque anni fa (giorno della scomparsa della povera ragazzina) filmano per ben sei volte il furgone di Massimo Bossetti, per un lasso di tempo che va dalle ore 18.00 alle ore 19.51.

I migliori video del giorno

Inoltre, come riporta il "Messaggero", che sta seguendo passo per passo le indagini sul caso, ad inchiodare il muratore di Mapello c'è anche un super-testimone, Federico Fenili, che ha dichiarato più volte agli inquirenti di avere visto il furgone di Bossetti fuori dalla palestra.