Le dichiarazioni di Krzysztof Charamsa sono destinate a divenire storiche: mai nessun religioso aveva reso pubblica la sua omosessualità. Il quarantatreene polacco, teologo della Congregazione per la Dottrina della Fede ha stupito il mondo, facendo delle rivelazioni clamorose. Ecco tutti i dettagli.

Vaticano, storico coming out di Charamsa

"Sono un sacerdote e sono gay; è ora che la Chiesa apra gli occhi di fronte ai credenti omosessuali: l'astinenza totale dalla vita d'amore, è disumana". Charamsa vive a Roma da diciassette anni e ha letteralmente scosso l'opinione pubblica con il suo coming out; il teologo è stato preso d'assedio dai giornalisti di tutto il mondo e ha spiegato i motivi delle sue dichiarazioni.

Pubblicità

"Ho scelto di dichiarare pubblicamente la mia omosessualità per aprire la Chiesa alla strada della modernità; non si possono attendere altri 50 anni per cambiare le cose. Vorrei parlare anche di ciò che ho subito all'ex Sant'Uffizio, il cuore dell'omofobia della Chiesa cattolica, un'omofobia esasperata e paranoica", ha affermato Charamsa. Il quarantatreenne polacco ha inoltre aggiunto di volere dedicare il suo coming out a tutti i sacerdoti omosessuali che non hanno il coraggio di dire pubblicamente la verità.

Al teologo è stato anche chiesto se al Vaticano ci sono altri omosessuali: "In una società di soli uomini la percentuale dei gay è molto più alta rispetto ad altri contesti", ha risposto Charamsa.

Charamsa scriverà una lettera a Papa Francesco

Il teologo ha rivelato anche di avere intenzione di scrivere una lettera a Papa Francesco. Su quest'ultimo il giudizio è stato molto positivo: "Ci ha aperto al dialogo, prima non comunicavamo". Il responsabile della sala Stampa in Vaticano, Padre Federico Lombardi, ha affermato che Charamsa sarà licenziato dalla Santa Sede.

Pubblicità
I migliori video del giorno

Il sacerdote polacco ha dichiarato di avere intenzione di cercare lavoro e di avere già scritto un libro in cui racconta i dettagli della sua vita: "Il libro sarà stampato a breve e sarà diffuso sia in italiano che in polacco", ha puntualizzato Charamsa.