Le dichiarazioni di Krzysztof Charamsa sono destinate a divenire storiche: mai nessun religioso aveva reso pubblica la sua omosessualità. Il quarantatreene polacco, teologo della Congregazione per la Dottrina della Fede ha stupito il mondo, facendo delle rivelazioni clamorose. Ecco tutti i dettagli.

Vaticano, storico coming out di Charamsa

"Sono un sacerdote e sono gay; è ora che la Chiesa apra gli occhi di fronte ai credenti omosessuali: l'astinenza totale dalla vita d'amore, è disumana". Charamsa vive a Roma da diciassette anni e ha letteralmente scosso l'opinione pubblica con il suo coming out; il teologo è stato preso d'assedio dai giornalisti di tutto il mondo e ha spiegato i motivi delle sue dichiarazioni.

"Ho scelto di dichiarare pubblicamente la mia omosessualità per aprire la Chiesa alla strada della modernità; non si possono attendere altri 50 anni per cambiare le cose. Vorrei parlare anche di ciò che ho subito all'ex Sant'Uffizio, il cuore dell'omofobia della Chiesa cattolica, un'omofobia esasperata e paranoica", ha affermato Charamsa. Il quarantatreenne polacco ha inoltre aggiunto di volere dedicare il suo coming out a tutti i sacerdoti omosessuali che non hanno il coraggio di dire pubblicamente la verità. Al teologo è stato anche chiesto se al Vaticano ci sono altri omosessuali: "In una società di soli uomini la percentuale dei gay è molto più alta rispetto ad altri contesti", ha risposto Charamsa.

Charamsa scriverà una lettera a Papa Francesco

Il teologo ha rivelato anche di avere intenzione di scrivere una lettera a Papa Francesco.

I migliori video del giorno

Su quest'ultimo il giudizio è stato molto positivo: "Ci ha aperto al dialogo, prima non comunicavamo". Il responsabile della sala Stampa in Vaticano, Padre Federico Lombardi, ha affermato che Charamsa sarà licenziato dalla Santa Sede. Il sacerdote polacco ha dichiarato di avere intenzione di cercare lavoro e di avere già scritto un libro in cui racconta i dettagli della sua vita: "Il libro sarà stampato a breve e sarà diffuso sia in italiano che in polacco", ha puntualizzato Charamsa.