Il giallo legato alla scomparsa di Denise Pipitone potrebbe riservare dei clamorosi colpi di scena nei prossimi giorni, alla luce degli ultimi importanti sviluppi. Una telefonata alla redazione giornalistica del TgR della Basilicata potrebbe risolvere l'enigma della bimba scomparsa a Mazara del Vallo l'oramai lontanissimo 1 settembre del 2004.

'Denise Pipitone è viva - la voce è quella di un uomo che, con estrema calma, afferma di conoscere la bambina che si troverebbe oggi in Basilicata. Una telefonata che, dunque, potrebbe andare a confermare il messaggio lasciato, lo scorso mese di agosto, sul profilo Facebook di Piera Maggio, messaggio che diceva: 'Mamma, sono Denise'.

Caso Denise Pipitone: le strane coincidenze

Ora l'avvocato della madre di Denise Pipitone, Giacomo Frazzitta, chiede che venga fatta chiarezza al più presto sulla ragazzina che abita a Tito, un piccolo comune di poco più di 7.000 abitanti situato nei pressi di Potenza e che attualmente sta frequentando la scuola media del comune.

Le coincidenze sono da ritenersi importanti: la ragazzina del profilo Facebook, oltre ad assomigliare parecchio a Denise, vive con la 'mamma' di nazionalità serba e con i suoi due fratelli. Tra l'altro, il cognome della famiglia di origine slava corrisponde a quello di un nucleo familiare rom che era accampato nei pressi di Mazara del Vallo, proprio undici anni fa: le indagini, all'epoca, si concentrarono proprio in quel campo nomadi ma non dettero i risultati sperati.

I migliori video del giorno

Giallo Denise Pipitone: l'avvocato di Piera Maggio vuole il test DNA

Nel corso di un'intervista rilasciata a 'Ilfattoquotidiano.it', Giacomo Frazzitta, ha chiesto espressamente che venga eseguito al più presto il test del DNA, dato che la situazione si presenta particolarmente delicata per la sua assistita, Piera Maggio: la donna vuole sapere, al più presto, la verità in merito a questa nuova pista lucana. Al momento si deve considerare ancora come una semplice ipotesi ed occorre andare con i piedi di piombo, ma sono passati due mesi da quel messaggio su Facebook ed è tempo di fare luce sul caso, anche alla luce di questa misteriosa telefonata. 

Quella ragazzina che vive in Basilicata è davvero Denise Pipitone? Voi cosa ne pensate? Potete lasciare i vostri commenti e le vostre opinioni nel riquadro più in basso.