La comunità di Cecina (LI) si è risvegliata con un groppo alla gola e un trauma non facile da metabolizzare: quello della perdita improvvisa di un suo giovane figlio di nome Elia Barbetti, di 17 anni, un'età in cui ogni sogno sembra realizzabile, perfino quello di provare ad essere felici. Elia era un bel ragazzo, innamorato della vita come solo a diciassette anni si può essere, che giocava bene al calcio ed aveva tanti amici. Ha trovato la morte a Milano, cadendo dal sesto piano, da un balcone troppo basso (alto 1 metro e dieci circa) per un ragazzone di 1,80 forse non troppo lucido quella notte, per avere esagerato nei divertimenti coi compagni di scuola, come purtroppo accade di frequente in queste occasioni.

Madre disperata

I compagni hanno subito ammesso che avevano fumato spinelli in compagnia e bevuto. Sono sorprendenti le analogie col caso Domenico Maurantonio, il 19enne patavino che morì qualche mese fa cadendo dal quinto piano, sempre a Milano e sempre in gita scolastica. La madre di Elia si chiama Sara Rabà e vuole andare a fondo in questa storia. Vuole vederci chiaro. Vuole le prove che quanto accaduto in una notte "maledetta" al "Camplus Living Turro" di via Stamina D’Ancona, tra viale Monza e via Padova, sia stato frutto esclusivo del caso. È inutile soffermarsi sull'inevitabile disperazione della madre di Elia, che non avrebbe mai immaginato un epilogo simile di una banale gita scolastica.

Casi analoghi

Si ipotizza che il 17enne Elia Barbetti si sia sentito male e abbia perso l'equilibrio, ma a ben guardare si tratta solo di supposizioni.

I migliori video del giorno

Non è escluso che, oltre ai compagni di camera, altri giovani vengano interrogati, anche per ricostruire il clima generale che si respirava in albergo. Sono attualmente in corso indagini per risalire a chi ha ceduto la marijuana ad Elia. Resta anche da capire se lo studente era un consumatore abituale e non è un dettaglio di poco conto nell'ipotesi che sia rimasto vittima di un malore. L’inchiesta è coordinata dal Pubblico Ministero Piero Basilone e dal procuratore Alberto Nobili. Nei prossimi giorni sono attesi ulteriori sviluppi di una vicenda che ricorda molto da vicino la morte di Domenico Maurantonio.

Per restare continuamente informati potete cliccare sul pulsante "segui" a lato del mio nome in alto.