La città di Parigi dichiara lo stato di emergenza fino a febbraio 2016. Tra i cittadini emerge tanta voglia di tornare alla quotidianità, ma purtroppo c'è ancora grande preoccupazione considerando, oltretutto, l'ultimo video pubblicato dai terroristi in cui si vede la caduta della Tour Eiffel, diventando così un prossimo possibile obiettivo. Intanto le ricerche di Salah Abdeslam, il ricercato numero uno in tutta Europa per aver contribuito a provocare la morte di 130 persone la notte del 13 Novembre, continuano.

Oggi, con l'incontro tra Hollande, Presidente della Repubblica Francese , e Cameron, il Premier inglese, c'è stata la conferma effettiva della loro unione contro l'Isis in Siria e Iraq. Successivamente Hollande si recherà a Washington per incontrare Obama per poi avere l'incontro decisivo con Vladimir Putin.

In Italia Giubileo blindato

Al Giubileo, in partenza l'8 Dicembre, saranno applicate misure di sicurezza davvero precise.

Al momento sono stati incaricati 20 agenti per le strade, pattuglie sui mezzi pubblici, metal detector e controlli in stazioni e aeroporti. Alfano ha dichiarato che l'Italia è protetta e può stare tranquilla, mentre il Papa ha chiesto misericordia e tenerezza, nonostante la visione di Piazza San Pietro blindata, e ha dichiarato di non temere attacchi ma di concentrarsi sul dialogo, sempre, e sulla comprensione.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Papa Francesco

Importante è far partire il Giubileo, come previsto, perché se anche ci fosse stata una minima possibilità di fermarlo per motivi di sicurezza, avrebbe significato darla vinta ai terroristi rinunciando ai nostri valori e alle nostre abitudini. Certo, il Papa è un uomo coraggioso a rifiutare le auto blindate e le misure di sicurezza, ma lo stesso coraggio non si può chiedere a milioni di fedeli. In qualsiasi caso, comunque spetterebbe sempre al Papa annunciare o revocare il Giubileo.

Si è anche ipotizzato un Giubileo a distanza da celebrare ognuno dalla propria abitazione, ma a quanto pare i pellegrini non intendono farlo, tanto che si prevede l'arrivo a Roma di almeno 10 milioni di persone durante l'anno. Intanto in tutta Italia arrivano continue chiamate che denunciano possibili attentati, che fortunatamente risultano poi dei falsi attentati.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto