Succede in provincia di Caserta, a limite territorio con la periferia di Napoli, quattrosoggetti di etnia ROM sono stati avvistati più volte alla guida di un'auto blu, con tanto di lampeggiante e paletta. Episodio non passato inosservato alle forze dell'ordine che hanno subito messo a segno una vera e propria indagine per capire se la notizia acquisita fosse veritiera. Quello che hanno accertato successivamente ha dell'incredibile.

L'operazione auto blu

Un'auto blu con lampeggiante, una Audi A6 Avant identica a quelle usate per il servizio scorte, con un semplice particolare, ossia quello di essere in uso a quattro nomadi.

A seguito delle numerose rapine subite nel territorio di Formia e di tutta la provincia di Latina, sono partite immediatamente le indagini per stanare i terribili criminali che stavano letteralmenteseminando il panico in tutta la provincia laziale. A seguito di approfondite indagini è venuto fuori che i famigerati malfattori erano di etnia ROM, ma come potevano eludere sempre i controlli? Ecco scoperto l'arcano, i quattro delinquenti avevano studiato un piano a dir poco perfetto, dopo aver messo a segno furti e rapine nella zona del basso Lazio, scappavano via e si dirigevano verso Napoli con un'autovettura identica a quelle in dotazione al servizio scorte, una Audi A6 Avant con lampeggiante mobile a led.

La fine dei giochi

Tutta la vicenda non è passata inosservata aicarabinierie nella serata del 7 Novembre, a seguito di una rapina in casa ai danni di un'anziana donna ottantenne, si sono messi alla sfrenata ricerca dei terribili malviventi, riuscendo ad intercettare la famigerata "auto blu" che percorreva a fortissima velocità l'asse mediano che collega Melito di Napoli ad Aversa.

I carabinieri di Parete, non si sono fatti beffare e sono riusciti a fermare, anche con non poca difficoltà, l'autovettura "istituzionale" scoprendo quello che presumevano ma che non si aspettavano. Voci confermate, a bordo dell'Audi vi erano quattro soggetti ROM appartenenti al campo nomadi di Scampia, a bordo dell'autovettura invece, sono stati rinvenuti profumi, bracciali e oggetti in oro constatando successivamente, che gli oggetti appartenevano tutti alla donna ottantenne vittima di rapina in provincia di Latina. I Carabinieri hanno finalmente messo la parola "fine" alla serie di delitti messi a segno dai balordi dell'auto blu. I quattro ROM sono stati arrestati e la refurtiva restituita alla proprietaria.