Arriva una meravigliosa iniziativa dall'Università della Calabria, dove gli studenti musulmani hanno organizzato una marcia contro gli attacchi terroristici a Parigi. Nella mattinata del 16 novembre infatti, un bel gruppo di studenti ha sfilato in segno di dissenso contro l'Isis. Striscioni e scritte in varie lingue sono stati esposti contro gli attentati dei terroristi.

L'iniziativa

Un bel gruppo di studenti nella mattinata si è recato all'Università della Calabria per mettere in atto una bella iniziativa. Il campus di Arcavacata è stato "invaso" da questi ragazzi con l'obiettivo di far capire che non è la religione ad aver spinto quelle persone a generare il terrore.

Vari gli striscioni che sono stati esposti durante il corteo e tutti erano scritti in varie lingue. In particolare spiccava la lingua araba e la lingua inglese. Su uno degli striscioni si legge: 'Chiunque uccida un uomo sarà come se avesse ucciso l'umanità intera'.  I giovani studenti hanno dimostrato tanto sia agli altri studenti dell'ateneo e sia agli italiani. Come gli studenti musulmani hanno scritto, il terrorismo non possiede una religione. I ragazzi poi hanno voluto omaggiare i francesi e Parigi portando un plastico che raffigurava la Torre Eiffel, simbolo della capitale francese.

Intervistato anche uno degli organizzatori della manifestazione che ha espresso solidarietà ai francesi e a tutti coloro che sono rimasti vittime degli attentati del 13 novembre. L'organizzatore ha affermato che con il corteo volevano soltanto ricordare, in silenzio, tutte le vittime del terrorismo proprio in rispetto dei tantissimi morti. Vittime dell'attentato terroristico a Parigi sono stati ben 129 morti e 352 feriti. Tra le vittime anche una ragazza italiana, Valeria Solesin, che durante l'attentato si trovava al Bataclan. A confermare la morte della giovane è stato il console italiano a Parigi dopo l'uscita dall'obitorio dove era andato per identificare il corpo.

I migliori video del giorno

Terribile il dolore delle famiglie francesi e anche della famiglia di Valeria. L'iniziativa da parte degli studenti è stata apprezzata da molti studenti dell'Unical.