Si tratterebbe di Marco Mirabello, 29 anni, residente a Chatillon (Aosta), esperto d’informatica e dj con il nome di Djdanger, arrestato questa mattina. Conosciuto solamente come “X” (o 'wArning') all'interno della celebre organizzazione di hacker Anonymous, che svolge anche attività anti-terrorismo contro lo Stato Islamico, il 28 dicembre scorso aveva annunciato attraverso l'edizione online del quotidiano 'La Repubblica'di aver sventato un attentato che il Califfato stava organizzando a Firenze. Tuttavia né le indagini eseguite dalla polizia postale, né i controlli antiterrorismo hanno dato riscontro alle sue dichiarazioni.

Come si è arrivati alla sua identità?

Per trovare Mirabello hanno collaborato i poliziotti del Cnaipic (Centro nazionale anticrimine informatico per la protezione delle infrastrutture critiche), del Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni di Torino e la Sezione della Polizia Postale di Aosta.

Due giorni fa hanno effettuato una perquisizione nella sua abitazione, dove hanno sequestrato una grande quantità di materiale informatico. Gli inquirenti intendono anche scoprire se l’hacker abbia avuto dei complici nel diffondere la bufala che gli avrebbe assicurato – anche all’interno dello stesso Anonymous – falsi meriti antiterrorismo.

Davvero una vicenda spiacevole, anche perché Marco Mirabello è pure considerato il fondatore del canale Twitter OpParis, creato dopo gli attentati di Parigi di venerdì 13 novembre 2015 costati la vita a 130 persone. Lo scopo di questo spazio è quello di individuare e segnalare i profili dei jihadisti dell’Isis.

La difesa dell’hacker indagato

Parlando all’ANSA, il pirata informatico aveva detto di aver già spiegato alle autorità di non essere stato lui a decidere di inventare l’attacco terroristico a Firenze, ma di essere solo una pedina nelle mani di Anonymous.

I migliori video del giorno

Erano i “vertici” a decidere ciò che avrebbe dovuto pubblicare. Personalmente era stato incaricato di occuparsi soltanto delle attività informatiche, realizzando video e grafiche: attività per la quale, ha detto, si sentiva gratificato.