La storia di Palla, una giovane Pitbull, la cui razza inizialmente non era stata identificata a causa delle sue fattezze, è una di quelle vicende che strappano il cuore. La piccola è stata ritrovata in Sardegna mentre cercava disperatamente di mangiare un po' di mangime per i polli. Per lei era difficile anche questo, perché aveva il collo stretto in un laccio di nylon, così stretto da aver superato lo strato di pelle ed averla quasi decapitata.

Il permanere in questo stato per diverso tempo ha prodotto nella piccola cagnolina una ipertrofia della testa, facendola diventare enorme rispetto al suo corpo magrissimo a causa della denutrizione.

I  suoi salvatori

I veterinari della Clinica Duemari di Oristano, in Sardegna, hanno recuperato Palla e l'hanno presa in cura; il nome glielo hanno dato proprio loro guardando la sua testa. I medici le hanno prestato le prime cure, provvedendo a toglierle il laccio di nylon che era penetrato profondamente nel collo e impediva il normale flusso del sangue, con il conseguente rigonfiamento della testa e del muso.

Nessuno sa di più sulla piccola Palla: per lei, la buona notizia è che ora è molto amata. Il centro veterinario ha postato su Facebook alcuni filmati per mostrare ai suoi numerosissimi fans i miglioramenti che si registrano giorno per giorno.

I video su Facebook

Su Facebook la seguono davvero in tanti, i suoi video sono diventati virali e sono postati su moltissime bacheche di amanti degli animali.

I migliori video del giorno

Da qualche giorno la cagnolina sta decisamente migliorando: la testa si sta lentamente normalizzando e i suoi lineamenti cominciano a prendere forma. Chissà chi ha ridotto Palla in questo stato, chissà chi l'ha abbandonata: tutti sperano che il colpevole o i colpevoli vengano rintracciati mentre la cagnolina ora è in buone mani.

Il centro veterinario non chiede nulla, anzi precisa che non è stata autorizzata da loro alcuna raccolta di fondi. Si spera solo che, una volta guarita, la cagnetta possa trovare una famiglia che la ami e che possa farle dimenticare tutto il male che le hanno fatto.