Oggi2 Marzo 2016il Ministero degli Esteriha informato che è stato ufficialmente siglato il contratto tra la società italiana Trevi e le legittimeautorità irachene per gli urgenti lavori di manutenzione e consolidamento della grande diga di Mosul in Iraq.

La diga è a rischio crollo

Le lesioni presenti nella struttura e la mancata manutenzione a seguito del conflitto in corso complice ancheuna breve occupazione da parte dell'ISIS, rendono la struttura insicura con il rischio, non così remoto, di crolli.

Stando a diverseopinioni raccolte tra i tecnici, l'eventualecedimento della diga porterebbe all'innalzamento del Tigri fino a 15 metri con il conseguente allagamento di una vasta area di territorio fino alla capitale Bagdad, mettendo a rischio 1 milione e mezzo di persone.

La firma di oggi fa seguito ad un intenso negoziato che ha coinvoltoil governoirachenoe l'azienda italiana, nella capitale Baghdad.

Inizialmente, infatti, era stata annunciata la commessa a favore della Trevi, ma le trattative effettive per la firma del contratto si sono protratte per alcune settimane.Con ladecisione del Governo di Bagdad l'operazione di consolidamento della diga concordata nella recente visita a Roma del premier iracheno Al Abadi potrà finalmente svilupparsi. Si è parlato della diga anche attraverso icontatti avvenutia New York dal Ministro Gentiloni e i rappresentanti degli USAe dello stessoIraq.

Previsto l'invio dei militari italiani

Sin dalle prime fasi di assegnazione della commessa, l'Italia ha messo a disposizione delle autorità irachene, un contingente di circa 400-450 militari con il compito di garantirela sicurezza del personale italiano e non, che dovrà operare nella struttura. Evidentemente, l'invio dei militari italianidovrà anticipare l'arrivo sul luogo dei tecnici e degli operai.

La tempistica dell'operazione non è ancora nota, ma l'urgenza del consolidamento della struttura rende probabile l'inizio delle attivitànel giro di pochi mesi se nondi alcune settimane. L'area è attualmente controllatadalle forze di sicurezza irachene, tuttavia i militanti dell'ISIS sono presenti in alcune zone contigue.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto