La Corte d'Appello di Milano ribalta la sentenza del luglio 2014nell'ambito del processo Mediatrade, condannando Piersilvio Berlusconi e Fedele Confalonieriad un anno e due mesi di carcere perfrode fiscale. Gli altri imputati invece, fra i quali il produttore cinematograficoFrank Agrama,sono stati assolti.

Diritti tv dai valori gonfiati

L'inchiesta inizia dal lavoro del pmFabio De Pasqualee verteva sulla compravendita e, nello specifico, sui valori dei diritti televisivi acquistati dalle emittenti Fininvest.Secondo De Pasquale, infatti, tali valori sarebbero stati gonfiati per ragioni fiscali"un andazzo a cui Piersilvio Berlusconi non riusciva a sottrarsi e che Fedele Confalonieri ha tollerato per anni".

Inizialmente, De Pasquale aveva chiesto, due anni fa, una condanna atre anni e quattro mesiper Confalonieri ed una ditre anni e due mesiper Berlusconi; il primo grado aveva visto l'assoluzione completa nel luglio 2014, sentenza che è stata sovvertita in appello. Da segnalare come, il meccanismo che sarebbe stato individuato da De Silvestro, è lo stesso che avrebbe portato alla condanna perfrode fiscaledi Berlusconi padre con conseguente decadenza dalla posizione di Senatore.

Nonostante la condanna, la prescrizione è ormai prossima

I due dirigenti Mediaset sono stati reputati colpevoli per quello che riguarda la frode all'anno d'imposta 2007,questo perché per quello che riguarda il 2008 sono stati entrambi assolti, mentre il reato contestato per il 2006è ormai caduto in prescrizione. Ed trattandosi di un solo anno di differenza, è praticamente certo che lo stesso destino toccherà all'annualità per la quale i due imputati sono stati già condannati e che, infatti, cadrà in prescrizionenel mese di aprile. Oltre alla condanna penale, la sentenza obbliga gli imputati anche alrisarcimento dei danniattraverso RTI e Mediaset nei confronti dell'Agenzia delle Entrate,alla quale dovranno versare la somma di 20mila eurodi spese per rappresentazione e difesa.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Silvio Berlusconi

Le motivazioni della sentanza saranno pubblicate entro 90 giorni.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto