Di giorno fumava e spacciava, di sera coltivava, negli orari di lavoro preparava la droga per venderla nello spogliatoio del Comune di Costa Masnaga in provincia di Lecco, poi si avviava col suo furgoncino e tra una pulizia e l'altra riforniva di marijuana una decina di persone. La Guardia di Finanza di Lecco lo ha pedinato e registrato con delle videocamere nascoste scoprendo così l'attività illecita parallela di un operaio comunale di quarantacinque anni. L'uomo è ora in manette con l'accusa di spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti.

Pubblicità

Un vero e proprio business della droga

Aveva trasformato la propria abitazione in un laboratorio chimico clandestino all'avanguardia tanto da dormire su un divano col proprio animale domestico perché la casa era piena di droga. La camera da letto era diventata una serra dove coltivare piantine di marijuana, la stanza era anche rivestita da coperte termiche ed attrezzata con irrigatori, ventilatori, lampade ad infrarossi, il tutto controllato da costosi timer, cronometri e termometri per garantirne l'adeguato habitat, la stanza da cucina conteneva tre freezer e due lavatrici a mano usati per l’estrazione del principio attivo 'delta-9-tetraidrocannabinolo' (chiamato comunemente thc) della cannabis. C'erano anche stendibiancheria usati per l'essiccazione delle foglie di 'gānjā' (nome hindi della marijuana).

Scoperto a causa degli strani giri negli orari di lavoro

Ad insospettire la Guardia di Finanza sono stati alcuni spostamenti anomali che non avevano a che fare col giro di manutenzione della rete urbana e del verde del proprio lavoro. Durante le perquisizioni gli sono stati sequestrati, nell'armadietto, tre chilogrammi di droghe, suddivisi in ovuli e panetti, insieme a steli, semi e cento piantine. Lo stradino, che dopo essere stato interrogato ha ammesso l'illecito, ha precedenti di droga. Ora si trova ai domiciliari.

Pubblicità
I migliori video del giorno

Intanto le Fiamme Gialle indagano anche sulla sua assunzione lavorativa, sul giro di compratori e sulle possibili coperture da parte dei colleghi o terze persone.