Appare più fragile del previsto il profilo psicologico di Gabriele Defilippi, 22enne da mille volti accusato di avere assassinato la sua ex insegnante Gloria Rosboch: nel corso di un interrogatorio di circa 5 ore il ragazzo, spesso in lacrime, ha accusato Roberto Obert, suo amico-amante, di avere commesso materialmente il crimine. Il giudice che lo ha interrogato si chiama Giuseppe Ferrando. I due uomini si auto accusano e ciò complica non poco il lavoro degli investigatori. Tra circa 15 giorni è previsto un confronto tra i due detenuti, nel tentativo di capire qualcosa di più.

Pubblicità

Sofia Sabhou

La morte della 49enne Gloria Rosboch risale al giorno 13 gennaio 2016. Il legale di Defilippi, avv. Pierfranco Bertolino, ha chiarito che l'interrogatorio è stato secretato. Resta da capire se anche la madre di Gabriele sia in qualche modo coinvolta. Più delicata appare la posizione di Sofia Sabhou, ex di Gabriele Defilippi, la quale avrebbe avuto informazioni sul proposito criminale del giovane senza tuttavia denunciare la cosa, forse non dando peso a quelle parole. Di certo subito dopo il delitto la ragazza si è recata in Marocco.

La cosa che è importante sottolineare è che a lei, nel mese di gennaio, Gabriele DeFilippi avrebbe precisato che l'idea di assassinare Gloria Rosboch era di Obert. Servono però maggiori riscontri per formare la prova di tutto questo.

Sogni spezzati

Gloria Rosboch, donna che non si era mai sposata e che viveva con gli anziani genitori in una villetta, è morta per strangolamento. Sognava di rifarsi una vita in Costa Azzurra, nel Paese che lei, insegnante di francese, amava profondamente. E' per realizzare questo sogno che ha affidato ben 187mila euro a Gabriele Defilippi, un ragazzo che conosceva fin dai tempi ormai lontani delle scuole elementari.

Pubblicità
I migliori video del giorno

Lui le aveva assicurato che li avrebbe fatti fruttare aprendo una società all'estero ma poi si era allontanato. A Gloria Rosboch non era rimasto che presentare una denuncia, nel timore di essere stata truffata da una persona che sosteneva di amarla, nonostante una significativa differenza d'età.