Accade in Florida, a Port St Lucie, e l’uomo protagonista di questa triste vicenda è William Hager, pensionato di 86 anni che ora si trova rinchiuso in carcere. La moglie di Hager, 78 anni e malata da 15 di una grave forma di artrite, trascorreva le sue giornate tra atroci sofferenze che solo un costosissimo farmaco poteva alleviare ma il cui reperimento era diventato insostenibile economicamente dall’anziana coppia.

Pubblicità
Pubblicità

In preda alla disperazione, nella notte di lunedì 16 maggio, Hager ha sparato alla moglie Carolyn alla testa mentre questa stava dormendo. Si è poi recato in cucina, si è preparato una tazza di caffè, ha chiamato le figlie per informarle su quanto era accaduto e solo dopo ha fatto partire la telefonata di emergenza al 911. Hager afferma che per diversi giorni la moglie, ormai sopraffatta dal dolore, aveva espresso più volte il desiderio di morire ma che mai gli aveva chiesto di ucciderla.

Pubblicità

I costi insostenibili dei farmaci antidolorifici 

La situazione nella coppia è precipitata quando l’aumento dei costi di alcuni medicinali ha costretto molte persone a privarsene malgrado la necessità, come nel caso della famiglia Hager. Le autorità non hanno specificato quali prodotti specifici stesse utilizzando Carolyn ma si presume che l’assicurazione sanitaria della coppia non fosse in grado di coprirne i costi.

William Hager si sarebbe scusato con i servizi di emergenza per non averli immediatamente contattati al momento del tragico atto, preferendo avvisare prima i figli di quello che era avvenuto alla madre sofferente.

Al momento l’uomo è detenuto con l’accusa di omicidio premeditato nel carcere della Contea, in attesa di subire regolare processo. Nel 2011 la coppia aveva presentato istanza di fallimento, probabilmente dovuta agli ingenti costi dei farmaci che servivano a Carolyn per placare i dolori che la affliggevano.

La drammatica azione del signor Hager mette di nuovo in luce gli scottanti temi dell’eutanasia e della sempre più diffusa incapacità dei pazienti di poter accedere a cure di fondamentale importanza per la sopravvivenza.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto