L'acronimo AEEG a molti lettori potrà sembrare sconosciuto, in realtà fa riferimento al garante per l'energia elettrica e il gas. Un organo molto importante, a garanzia dei consumatori, per tutelare dei beni di prima necessità. In questi giorni, con la recente circolare si è andato ad affrontare il tema riguardante il calcolo delle bollette dell'acqua. Quanti di voi controllando i consumi realmente effettuati con quelli stimati sulla bolletta hanno notato dei dati incongruenti? Con l'introduzione del nuovo sistema di rilevazione non si verificherà più.

Pubblicità
Pubblicità

Cosa cambia?

Tutto è pronto per mandare in pensione il vecchio metodo di conteggio della nostra bolletta dell'acqua, che oggi molto spesso viene stimata in base ai consumi precedentemente effettuati. Un bel problema, soprattutto per chi ha un consumo minimo, che si vede recapitare una bolletta di importo maggiore rispetto a quanto realmente consumato. Così dal gennaio 2017 la bolletta sarà comunicata direttamente tramite internet, oppure attraverso l'invio dei dati tramite telefono. Spetterà così all'intestatario dell'utenza comunicare il consumo attraverso l'autolettura.

Una maggiore trasparenza

Ovviamente, l'entrata in vigore di questo nuovo sistema garantirà la massima trasparenza per i milioni di utenti. Inoltre, si prevede che il gestore della fornitura dovrà conservare almeno per 5 anni i dati dei consumi di ogni singola utenza, questo per permettere dei controlli antifrode. Come accade anche oggi, è possibile che vengano a casa dei dipendenti dell'azienda che dovranno rilevare i consumi direttamente dal contatore per avere un confronto con i dati ricevuti in precedenza.

Pubblicità

L'acqua è un bene pubblico di prima necessità, sul quale non si può fare alcuna speculazione. Tra l'altro in queste ore il Sindaco di Riace, un piccolo Comune in Provincia di Reggio Calabria, ha deciso di non far pagare più nessuna bolletta per l'utilizzo dell'acqua ai propri concittadini. E' il primo caso in Italia, di certo un bel risparmio per i contribuenti, vedremo se altri amministratori locali riusciranno a seguire il suo esempio.

Leggi tutto