Mediante un video pubblicato sulla sua pagina Facebook, il giornalista e scrittore Magdi Allam, da mesi impegnato in una tournée nazionale per presentare il suo libro "Islam, siamo in guerra", propone di mettere fuorilegge la religione musulmana. Secondo l'ex eurodeputato infatti "non esiste l'islam moderato", circostanza che sarebbe dimostrata dagli attentati che hanno colpito Francia e Belgio. "Il Partito Democratico ritiene che esista un Islam moderato, ma la guerra scatenata dal terrorismo islamico globalizzato, i morti di Parigi, di Bruxelles, Dacca e di Nizza dimostrano il contrario", afferma Allam.

Pubblicità
Pubblicità

Magdi Allam aveva previsto l'aggravarsi della situazione

Magdi Cristiano Allam ha iniziato la sua carriera di giornalista negli anni 80', ma è divenuto celebre a livello internazionale all'indomani degli attentati dell'11 Settembre 2001, quando veniva chiamato a dire la sua in qualità di esperto di Islam da numerosi media italiani e non solo. Nel 2003 ha ricoperto l'incarico di vicedirettore "ad personam" del Corriere della Sera, inoltre ha scritto diversi libri su temi collegati al terrorismo e all'estremismo islamico.

Pubblicità

Da molti anni è costretto a vivere sotto scorta, a causa delle minacce subite per la sua attività di giornalista e le dure prese di posizione contro l'Islam. Nel 2009 fu eletto europarlamentare e una volta cessato il mandato ha ripreso la sua attività di giornalista, che con l'aggravarsi della situazione e degli attentati, è sempre più incentrata sulle questioni islamiche e sul terrorismo. Da sempre Magdi Allam mette in guardia dai pericoli derivanti dal terrorismo di matrice islamica e aver profetizzato sin da tempi non sospetti che il terrorismo sarebbe degenerato gli ha fatto guadagnare molta popolarità. La sua pagina Facebook con 170mila fans è sempre commentatissima e le sue conferenze fanno sempre il tutto esaurito.

Musulmani in chiesa: le critiche di Allam

All'indomani dell'omicidio del parroco 86enne decapitato da alcuni fanatici che hanno fatto irruzione in chiesa, la Comunità islamica francese ha invitato i fedeli e gli Imam a partecipare alla Messa di questa domenica, e anche in Italia circa 15mila musulmani hanno aderito, recandosi in Chiesa in tutta la penisola. Ma Allam ha criticato apertamente l'iniziativa: "Accogliere i musulmani in Chiesa significa riconoscere coloro che hanno legittimato i terroristi islamici che hanno trucidato un parroco proprio mentre si svolgeva la Messa", scrive sulla sua pagina.

Allam invoca la linea dura contro il terrorismo islamico, sia nei territori controllati in Medio Oriente che in patria. Resta da vedere se fare di tutta l'erba un fascio come sembra fare lui, mettendo sotto accusa l'intera religione, produrrebbe un miglioramento della situazione e non finirebbe invece per alimentare ancora di più il fanatismo e la follia di certi individui.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto