Droga, tanta droga. Più di duecento chili di marijuana (tra foglie, fiori e scarti), che una volta immessa nel mercato al dettaglio dello spaccio avrebbe potuto fruttare più di 200mila euro. E poi le numerose armi e munizioni sequestrate durante un’operazione antidroga effettuata alle luci dell’alba dai Carabinieri nelle campagne di Borore, esattamente in località “Mura Barbas”, nel nuorese. In manette sono finite 5 persone tutte di Borore: Dario Deriu, 22 anni, Alessio Manca (21), Massimo Arca (34) e Alberto Piras (22). Per i quattro giovani l’accusa è di detenzione di sostanza stupefacente.

Il quinto uomo, Giampaolo Ibba, 53 anni, allevatore, è invece finito in carcere con l’accusa di detenzione di armi e favoreggiamento.

Era lui il proprietario dello stabile dov’è scattato il blitz. L’azione lampo è stata messa a segno dai Carabinieri della stazione di Borore, con l’aiuto dei colleghi di Birori e Silanus, coordinati dalla compagnia di Macomer e affiancati dalle Unità cinofile dello Squadrone dei “Cacciatori di Sardegna”. Il tutto è durato poco meno di due ore.

Un arsenale carico di droga

I Carabinieri sono arrivati nelle campagne di Borore in perfetto silenzio. Quando infatti hanno fatto irruzione nel casolare di proprietà di Giampaolo Ibba hanno trovato i quattro giovani – scrive l’agenzia Ansa - intenti a smistare, selezionare ed imbustare la droga. In totale i militari hanno recuperato poco più di 70 chili di marijuana che doveva essere imbustata e messa in vendita.

Di questi 70 chili, circa dodici erano soltanto infiorescenze. Altri 18 chili invece erano boccioli pronti per essere imbustati. Dall’interno dell’ovile è saltato fuori anche un vero e proprio arsenale carico di ami e munizioni di ogni tipo: un fucile ad aria compressa di elevata potenza (27 joule), un altro fucile semiautomatico marca “Beretta” con matricola a brasa.

Rinvenute anche numerose cartucce calibro nove e 7,65.

Durante l’operazione, uno dei giovani, Alberto Piras, il più piccolo del gruppo, è riuscito a scappare. Ma purtroppo, per sua sfortuna, ha dimenticato il portafoglio nell’ovile ed è stato quindi immediatamente rintracciato e arrestato. Le indagini sono in corso: i militari sono alla ricerca della piantagione di erba che, molto probabilmente, potrebbe essere in qualche appezzamento di terreno incustodito nelle zone dell’ovile.

Segui la pagina Cronaca Nera
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!