Entro la fine dell’anno, secondo le stime, saranno 200mila gli immigrati che troveranno rifugio in Italia. E se i casi come quello di Aylan Kurdisono pochi, altissimo è il numero di migranti morti nel silenzio dei media.

I dati ufficiali parlano di oltre 3mila vittime nel Mediterraneo dall'inizio del 2016 ad oggi. Il numero dei morti è paragonabile a quello di un conflitto. Per questo motivo, le zone in cui si concentrano gli sbarchi diventano punti sensibili e strategici. Uno di questi è di certo la Puglia. In realtà piccolissime come Monteleone e Orsara (comuni della provincia di Foggia) le strutture Sprar (Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati) accolgono così tanti immigrati che la proporzione è di 1 migrante per ogni 50 residenti.

Intorno a questa emergenza si crea il business.

Il rischio di speculazioni, mosse dai tentacoli della criminalità organizzata, è altissimo. La situazione, in Puglia come in altre regioni e province del Sud Italia, è da allarme rosso. Mario Morcone, capo dipartimento Immigrazione, intervenuto di recente a Lecce, ha parlato di punti di opacità nella gestione dei flussi migratori.

I finanziamentiai Comuni pugliesi

Sono tanti i fondimessi a disposizione dal Governo per arginare il problema. Per citare sempre il caso pugliese, basti sapere che il Ministero dell’Interno ha stanziato 3 milioni e mezzo di euro per il 2016 in favore di 20 Comuni delle province di Lecce e Foggia. I finanziamenti saranno presto raddoppiati.

In arrivo, per il 2017, altri 6.2 milioni di euro. E se non si contano i casi di sfruttamento degli stessi immigrati ad opera di imprenditori e caporali senza scrupoli, sarebbe dannoso non citare anche qualche esempio di comportamento corretto e sana integrazione come quello della onlus "Babele".

Il ruolo dei sindaci e l’esempio di Riace

I punti di criticità crescono quando l’accoglienza non viene curata in prima persona dagli Enti Pubblici e ci si affida a società e cooperativepoco trasparenti per la formazione e assunzione del personale sanitario e per l'individuazione di strutture ricettive e alberghiere.

È lì che si nascondono gli interessi della malavita organizzata che, come ben ci ha insegnato la vicenda di Mafia Capitale, prima di tutti ha imparato a lucrare sulla vita e la disperazione dei migranti. Tra gli esempi virtuosi c’è l’esperienza del Comune di Riace, dove il sindaco Domenico Lucano è riuscito, nel pieno rispetto delle regole, a dare sia accoglienza agli immigrati che sollievo all'economia del paese.

Segui la pagina Politica
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!