La decisione del governo tedesco fa preoccupare l'Europa intera, la Germania sta per invitare i propri cittadini a fare scorte di cibo e acqua per almeno 10 giorni. Queste sono le indiscrezioni trapelate e che stanno per fare il giro del mondo. La paura per un imminente attacco terroristico resta alta anche se il governo tedesco, esclude momentaneamente la minaccia, e solo a scopo cautelativo, invita la popolazione a seguire le indicazioni date, in via generica e senza alcun riferimento alla guerra in atto nei confronti dell'Isis.

Scorte per 10 giorni senza motivazioni

È inevitabile la preoccupazione per quanto comunicato dal governo in Germania, si tratta di un vero e proprio documento di ben 69 pagine che sta per essere approvato e reso pubblico alla popolazione tedesca, e che potrebbe innescare una corsa alla spesa. Il documento che il governo tedesco sta per emanare, secondo anche quanto pubblicato dal sito TgCom24, sarebbe semplicemente un vademecum per tutelare i cittadini. Si chiama "Concetto di difesa civile" e nello specifico, il documento invita tutta la popolazione a fare scorte di cibo e acqua, tenendo a precisare anche le quantità minime: "Almeno 2 litri di acqua al giorno per 10 giorni minimo".

La Germania in guerra?

Per quanto il documento tedesco possa essere nominato concetto di difesa civile, il primo pensiero è un eventuale attacco da parte dell'Isis o comunque di una imminente azione militare tedesca. La corsa alla scorte di cibo potrebbe essere giustificata anche da una probabile azione contro il terrorismo islamico in Germania, proprio come quando in Belgio si ricercava il terrorista artefice di un attentato: coprifuoco e case ben chiuse per tutti. In Italia il governo non ha emesso ancora alcun comunicato e la mossa tedesca non è stata ancora discussa, poichè ad oggi, si tratterebbe di una indiscrezione.

Si resta quindi in attesa di eventuali motivazioni e sopratutto della reazione dello Stato Italiano in merito alla vicenda. Non si esclude che anche l'italia possa adottare un provvedimento simile a quello tedesco.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto