Un tempo c'era vita sul Pianeta Rosso? Molti sono gli studi effettuati sopratutto negli ultimi anni, sul pianeta più simile alla Terra nel nostro sistema solare. Probabilmente un tempo Marte aveva un'atmosfera, oceani e non si esclude che potesse esserci anche un qualche tipo di forma di vita. Ma i ricercatori di UFO e alieni, ritengono invece che tutt'oggi il Pianeta Rosso continui ad essere abitato da forme di vita aliene e che la NASA stia facendo di tutto per nascondere la verità al grande pubblico.

Pubblicità
Pubblicità

Il 'responsabile' delle numerose teorie cospirative su Marte è sicuramente il rover Curiosiy, che invia quotidianamente immagini della sua superficie. Tra queste, i teorici della cospirazione credono di aver individuato una conchiglia che dimostrerebbe non solo la presenza di oceani sul Pianeta Rosso, ma anche che le forme di vita che vi abitavano, erano molto simili a quelle della Terra.

Le dichiarazioni di Waring

Il responsabile della scoperta è Scott Waring, autore del blog UFO SIGHTINS DAILY, spesso molto criticato dagli scettici per le sue affermazioni, secondo i quali non avrebbero fondamenta scientifiche.

Presunta conchilia individuata su Marte.
Presunta conchilia individuata su Marte.

'Ho trovato una conchiglia in un'immagine posteriore al 2012, nel cratere Gusev camuffata con i falsi colori della NASA, mi sono imbattuto in un'altra questa settimana, in un'immagine che non avevo mai visto prima. Il guscio è rotondo e la parte superiore era evidentemente più sottile da essersi spezzata, ma il resto è ancora lì', scrive Waring su suo blog. L'immagine recente della presunta conchiglia è stata scattata da Curiosity il 23 luglio 2016, il che sarebbe una conferma per Waring e molti altri ricercatori, che il pianeta era un tempo vivo e abitato.

Pubblicità

Non è certo la prima volta che vengono individuate stranezze sul Pianeta Rosso: molti sono i casi di creature, pesci e veicoli fotografati dal rover sulla sua superficie. Però per gli scettici, tutti questi fenomeni sarebbero dovuti esclusivamente alla pareidolia, ovvero ricondurre a forme conosciute formazioni naturali, proprio  come accade spesso osservando le nuvole.

UFO
Clicca per leggere la news e guarda il video