Un vasto incendio si è sviluppato nel pomeriggio di oggi, giovedì 11 agosto, a Noto, in provincia di Siracusa, nella cosiddetta zona del fiume, a ridosso della stazione della città barocca. Una nube altissima fin dalle cinque del pomeriggio era visibile percorrendo la strada che da Avola porta verso la turistica città della zona sud della provincia aretusea, come raccontano alcuni testimoni dell'evento, probabilmente di origine dolosa.

Ingresso nord bloccato e ingorghi dentro Noto

L'ingresso da quella parte della città dalle sei del pomeriggio è stato bloccato da alcune auto della polizia municipale, mentre i canadair sono partiti a più riprese per cercare di frenare l'azione delle fiamme, con ampio intervento di acqua volto a spegnere l'incendio.

L'aria presso la zona colpita dalle fiamme è irrespirabile, come dichiara Paolo Interlando, dai cui scatti abbiamo tratto l'immagine che correda questo articolo. E' consigliabile in questo momento l'ingresso dalla strada provinciale Rosolini-Noto attraverso la via Roma, dove tuttavia si registrano lunghe code.

Canadair in azione

Paura tra i netini e rapido scambio di informazioni attraverso i social network per rassicurarsi reciprocamente dell'accaduto, mentre alcuni hanno anche postato brevi video delle fiamme altissime che campeggiavano già alle spalle del tessuto urbanistico della città. Invettive legittime e comprensibili da parte dei concittadini contro i protagonisti dello scempio ambientale che puntualmente caratterizza la stagione estiva, determinando ferite irreparabili sulla natura dei luoghi, soprattutto di un posto tanto bello come Noto.

Le forze dell'ordine e le persone impegnate nello spegnimento delle fiamme sembra comunque che abbiano il governo della situazione, a rassicurazione delle tante preoccupazioni che in queste ore leggiamo attraverso i social network. Al momento in cui scriviamo la zona del supermercato Si Più è stata interdetta al traffico per permettere l'attività dei vigili del fuoco.

Preoccupazione tra i turisti e molta la gente ferma a chiedere informazioni lungo le strade.

Segui la pagina Ambiente
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!