Nell'ultima puntata del noto programma mediaset Quarto Grado, Alessandra Viero e Gianluigi Nuzzi sono tornati a parlare del caso di Guerrina Piscaglia (50 anni al momento della scomparsa). La donna sparì da Ca' Raffaello (in provincia di Arezzo) il primo Maggio del 2014. Lo scorso venerdì si è svolta una lunga requisitoria in Corte D'Assise, durante la quale, il pm Marco Dioni ha affermato che fu Padre Graziano Alabi ad eliminare Guerrina e per questo deve essere condannato a 27 anni di carcere.

Guerrina Piscaglia: Padre Graziano dice la sua

Lo staff di Quarto Grado ha avuto modo di intervistare Padre Graziano Alabi, unico accusato per l'omicidio di Guerrina Piscaglia. Al sacerdote è stato in primis chiesto come stia aspettando la sentenza nei suoi confronti, Graziano ha dichiarato: "Io aspetto la sentenza fiducioso, perchè credo nella giustizia e penso che faranno il loro lavoro. Sono sereno ed aspetto con fiducia".

Al prelato è stato in seguito chiesto se abbia raccontato tutto quello che sapeva circa la scomparsa di Guerrina,il sacerdote ha detto: "...Ho raccontato tutto quello che so, a proposito di quella vicenda". La terza domanda si è basata sui pensieri di Graziano nei confronti della Piscaglia. Il prete congolese ha detto: "... Io penso sempre a Guerrina ... Sia nelle mie preghiere, sia nella mia vita.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera

Del resto è per lei che sono in questa situazione adesso".

La domanda seguente è stata: "C'è qualcosa che non rifarebbe in questa drammatica vicenda?". Padre Graziano ha risposto: "Dico solo che non avrò più fiducia nella gente come l'avevo prima. All'epoca ero molto più aperto di ora. Ho raccolto la conseguenza di essere troppofiducioso nei confronti della gente".Al congolese è stato poi chiesto cosa vorrebbe dire a Lorenzo (il figlio di Guerrina) dopo la fine di questo processo, Graziano ha detto: "Se io devo dire qualcosa, devo certamente invitarlo alla speranza, perchè non si sa mai se sua mamma è morta, oppure è viva.

Sia io, che lui dobbiamo avere la speranza, perchè è scomparsa la sua mamma, una persona cara, ma io soffro perchè è scomparsa una mia parrocchiana...". Per aggiornamenti su questa ed altre notizie di cronaca, cliccate Segui.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto