La vicenda è accaduta a Reyes, una piccola cittadina di ottomila abitanti a nord della Bolivia. La polizia ha arrestato un uomo, accusato di essere il responsabile del rapimento di una bambina di quattro anni, che è stata uccisa dopo essere stata stuprata. L'uomo si trovava nella guardina della caserma delle forze dell'ordine, ma gli abitanti del paese non hanno voluto attendere il processo per ottenere "giustizia". E hanno fatto irruzione nella stazione di polizia, prelevando e uccidendo il pedofilo.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

Aveva stuprato una bambina di 4 anni

La bambina è stata rapita mentre si trovava ai funerali della nonna defunta. Una volta che è stato dato l'allarme per la scomparsa sono partite le ricerche, e dopo alcuni giorni è stato rivenuto il corpicino senza vita.

Sul cadavere erano evidenti i segni della violenza subita. Prima di essere uccisa la piccola è stata anche violentata. La polizia ha arrestato un uomo, presunto responsabile delle atroci sevizie, e lo aveva arrestato e condotto nella locale caserma, in attesa del trasferimento in carcere a disposizione dell'autorità giudiziaria.

Ma la folla inferocita si è presentata alla stazione di polizia per farsi consegnare il prigioniero, ed essendo in netta superiorità numerica rispetto ai poliziotti, sono riusciti a tirare fuori dalla cella l'assassino, trascinandolo all'esterno con un cappio al collo. Dopo essere stato selvaggiamente picchiato dalla folla, lo hanno impiccato ad un albero. Le scene sono state riprese con i cellulari da alcune persone presenti, che poi hanno pubblicato in rete alcuni video.

I migliori video del giorno

Nessun arresto tra la folla

Fino ad oggi in relazione all'assalto alla caserma della polizia e all'uccisione del criminale non sono stati effettuati arresti. Ma le autorità affermano che sono in corso indagini per risalire all'identità dei responsabili dell'azione, ripresa da alcune telecamere di sicurezza. I cadaveri della bambina e del violentatore sono stati spostati nei pressi della capitale boliviana La Paz, a disposizione delle autorità, che intendono indagare sulla questione.