La Sagas s.p.a. sarà riammessa alla gara per aggiudicarsi la gestione dell'Aeroporto di Crotone. Lo ha deciso nella giornata di Giovedì 24 Novembre il TAR della Calabria, che ha accolto il ricorso presentato dalla stessa società lo scorso 18 Ottobre. La società, costituita dal Comune di Crotone, dal Comune di Isola Capo Rizzuto e dalla Regione Calabria, fu la prima ad essere esclusa dalla gara per via di "gravi e insanabili carenze nella documentazione".

A concorrere per la gestione dello scalo si presentarono ben quattro società, ma a distanza di un mese rimase in gara solo la Sacal s.p.a., la società che attualmente gestisce l'Aeroporto Internazionale di Lamezia Terme.

La Sagas s.p.a. ha presentato due ricorsi al TAR della Calabria, nel primo chiedeva l'annullamento del bando dell'ENAC, nel secondo invece ha chiesto la riammissione alla gara.

Il primo ricorso venne rigettato, perché il bando venne ritenuto valido. Il secondo ricorso invece è stato accolto, e di fatto annulla il provvedimento 010 7225 del 18/10/2016 disposto dall'ENAC, che prevedeva l'esclusione della Sagas s.p.a.. Questa, per partecipare, dovrà sanare la documentazione non presentata per tempo, facendo ricorso all’istituto del soccorso istruttorio.

Attualmente le società in gara rimangono la Sagas s.p.a. e la Sacal s.p.a., ma una terza società, quella del gruppo imprenditoriale iGreco, sta pensando di presentare anch'essa un ricorso per l'esclusione. L'aeroporto di Crotone è attualmente chiuso, ma più volte si è paventata la possibilità di una riapertura già da Dicembre, con la Ryanair che sarebbe disponibile a mantenere la tratta per Orio al Serio.

I migliori video del giorno

I dubbi della Sagas

A seguito dell'esclusione dalla gara, i dirigenti della Sagas s.p.a. hanno dichiarato in più occasioni delle possibili irregolarità nel bando dell'ENAC, che favorirebbe in qualche modo la candidatura della Sacal s.p.a.. Nonostante il ricorso, il TAR della Calabria ha accertato che non sussistono irregolarità nel bando, e che questo non finisce per favorire o sfavorire nessuno dei partecipanti.