Proprio di questi istanti è la notizia di un nuovo attentato in Germania. Un camion avrebbe invaso un marciapiede adiacente un mercatino natalizio della città di Berlino, provocando scompiglio tra i presenti. Il bilancio certo, riferiscono le autorità tedesche, è finora di almeno 9 morti e una cinquantina di feriti.

Il mercatino, situato nella parte ovest della città, in pieno centro, è meta ambita da turisti e cittadini.

Pubblicità
Pubblicità

La piazza della Chiesa del Ricordo, zona intorno alla quale si sviluppa l'evento natalizio, è stata proprio l'obbiettivo dell'attentato, riferiscono le autorità.

Analogie con l'attentato di Nizza

Le dinamiche dell'atto terroristico odierno sono molto somiglianti a quello verificatosi l'estate scorsa nella città francese di Nizza, dove morirono 86 persone. Si presume, quindi, che la matrice dell'attentato odierno al mercatino sia la stessa, individuabile in seguaci dello Stato Islamico.

Pubblicità

Le autorità tedesche, però, non si sono ancora espresse in merito ma l'agenzia Dpa sostiene che l'attentatore sia in fuga in questi istanti e l'emittente televisiva tedesca N24 afferma che il camion, lanciato ad estrema velocità contro il mercatino affollato, sia provenuto dalla stazione della metropolitana «Zoologischer Garten». L'atto terroristico si è verificato intorno alle ore 20, proprio quando la piazza intorno alla Chiesa del Ricordo era colma di cittadini radunati in occasione delle feste.

Conseguenza fallito attacco del 26 novembre?

Proprio di pochi giorni fa è la notizia del il fallito attacco terroristico avvenuto il mese scorso nella cittadina di Ludwigshafen, nel sud-ovest della Germania. In quell'occasione il governo tedesco aveva affermato la propria reale preoccupazione per il sopraggiungere delle imminenti festività natalizie. L'attentano avvenuto nell'odierno è in grado quindi di confermare che i timori delle istituzioni tedesche non erano infondate: l'attentato compiuto quest'oggi conferma che la Germania sta vivendo, in questi giorni, un reale attacco proveniente forse dalla stessa matrice terroristica.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto