In Turchia l'ambasciatore russo, Andrey Karlov, è stato ucciso in un attacco a mano armata avvenuto durante un'inaugurazione di una mostra fotografica incentrata sui rapporti tra la Russia e la Turchia. Il killer è stato in seguito eliminato in un blitz condotto dalle forze speciali turche secondo quanto riferito dal "Corriere Della Sera" e come riportato anche dalla testata online "Intelligo news". Prima dell'omicidio il killer ha urlato "Allah Akbhar" e ha minacciato vendetta contro il diplomatico russo, sostenendo che la sua morte era una "vendetta" contro la politica militare della Russia ad Aleppo e nell'intera Siria.

Il killer, uno dei tanti poliziotti licenziati da Erdogan dopo il golpe

Secondo le ultime notizie, il killer non sarebbe altro che uno dei tanti poliziotti licenziati dal presidente turco Erdogan in seguito alle "purghe" seguite al fallimento del recente tentato golpe che ha interessato la nazione.

Stando al quotidiano "Il Messagero", l'uomo si chiamava Mert Alintas e aveva 22 anni.

Le minacce del killer al diplomatico russo: 'Pagherete tutti'

Come già scritto, prima dell'omicidio Alintas ha minacciato il diplomatico russo e ha motivato l'azione omicida dichiarando che si trattava di una "vendetta" nei riguardi della politica estera russa in Siria. "Pagherete tutti": è stato lo slogan ripertuto ossessivamente dallo stesso Alintas e, secondo quanto sostiene la CNN, ma anhe il "Messagero", gli slogan utilizzati dal killer ricordano quelli utilizzati dal gruppo islamista radicale "Fronte Al Nusra". Si tratta della sezione siriana" di Al Qaeda che è risultata avere un ruolo di primo piano nella battaglia di Aleppo e nella guida dell'ala islamista dei gruppi ribelli che si oppongono al regime di Assad e ai suoi alleati russi.

I migliori video del giorno

Stando così le cose, si è molto probabilmente trattato di un'azione omicida solitaria commessa nel nome dell'ideologia islamista radicale(probabilmente di matrice qaedista) e al cui riguardo sinora si hanno ancora troppi pochi indizi per sostenere l'esistenza di un'ipotetica e presunta "regia" dietro tale omicidio.