Un aereo militare russo con 92 persone a bordo, partito da Adler verso la Siria, è scomparso dai radar poco dopo il decollo.

Lo annuncia il ministero della Difesa moscovita, il quale dopo aver comunicato con estrema esattezza la tipologia del velivolo (Tupolev Tu-154) diretto alla base militare di Hmeimim (Latakia) nel nord-ovest della Siria, si sofferma sui passeggeri a bordo, tra i quali vari componenti dell'Ensemble Alexandrov, uno dei cori dell'esercito sovietico, che si dirigeva in Siria per prendere parte ai festeggiamenti di fine anno con il corpo militare nel paese mediorientale.

Pubblicità
Pubblicità

Il presidente russo Putin viene tempestivamente avvisato e segue personalmente le operazioni di soccorso. I resti dell'aereo militare sono state ritrovate, secondo fonti vicine al ministero della Difesa di Mosca, nel mar Nero a poco meno di due chilometri al largo della costa della città di Soci, nella zona meridionale della Russia.

Russia, nessun sopravvissuto nella tragedia aerea sul Mar Nero

"Non ci sono sopravvissuti." così Vladimir Putin, in una nota ufficiale, comunica al mondo l'epilogo disastroso dell'accaduto.

Pubblicità

Lo stesso presidente ha successivamente ordinato un'inchiesta sulla precisa dinamica dell'incidente. Lo stesso presidente russo ha pubblicamente fatto le condoglianze ai parenti delle vittime. Tra le possibili cause della disgrazia quelle di una avaria del motore o (tesi meno accreditata) il violento impatto con uno stormo di uccelli.I primi cadaveri sono stati recuperati a poco più di cinque chilometri dalla costa. La lista di persone a bordo comprendeva otto membri dell'equipaggio, otto militari, nove giornalisti, sessantaquattro membri dell'Alexsandrov Ensemble e l'intera banda al completo.

Tra le vittime Valery Khalikov, il direttore d'orchestra della banda sovietica e il capo del dipartimento della cultura del ministero della Difesa russo Anton Gubankov. L'aereo in questione, secondo la Tass, è decollato in "condizioni meteo favorevoli". Il presidente Vladimir Putin ha promesso un'indagine approfondita sulle ragioni della catastrofe: "Faremo di tutto per fornire il nostro sostegno alle famiglie delle vittime" ha concluso.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto