Agnesi, il più antico marchio di pasta italiano, ha scelto di chiudere lo stabilimento di Imperia. Proprio quello dove è nato tutto. Agnesi ha vissuto momenti d'oro, con fatturati annui da capogiro; oggi invece deve fronteggiare una crisi che ha colpito e colpisce molte realtà imprenditoriali italiane. 'Silenzio, parla Agnesi' recitava una réclame che ammaliava gli italiani. I momenti d'oro sono finiti e anche Agnesi deve 'stringere la cinghia'.

15 operai Agnesi verranno trasferiti a Fossano

Lo stabilimento Agnesi di Imperia chiude i battenti.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

Ieri, 13 dicembre 2016, è stato prodotto l'ultimo chilo di pasta, i 'Fusilli 102'. I lavoratori che hanno optato per la mobilità termineranno di svolgere il loro servizio presso lo stabilimento ligure venerdì prossimo, alle 14.

Attualmente i dipendenti Agnesi sono un centinaio: 70 circa cesseranno di lavorare tra il 16 dicembre 2016, il 2 gennaio 2017 e marzo 2017. 15 operai, invece, hanno accettato di trasferirsi a Fossano, dove c'è un altro stabilimento Agnesi. Oggi, 14 dicembre 2016, partiranno le attività di manutenzione, pulizia e sorveglianza degli impianti del pastificio ligure.

Addio ad un pezzo importante di Imperia: il pastificio Agnesi

Tutte le lotte dei sindacati, degli imprenditori e dei politici non sono valse a nulla. Alla fine, lo stabilimento Agnesi di Imperia chiude e, in un certo senso, cade una parte di storia della cittadina ligure. Il Gruppo Colussi (che controlla lo storico pastificio italiano) aveva decretato la chiusura dello stabilimento di Imperia diversi mesi fa, gettando nello sconforto moltissime persone, specialmente i dipendenti.

I migliori video del giorno

Il figlio 16enne di un impiegato del pastificio Agnesi di Imperia dedicò al padre la poesia 'Agnesi Cerere'. Il giovane Leonardo Fasciani, studente del liceo classico Vieusseux di Imperia, spiegò che la poesia non è dedicata solo al padre ma a tutti i dipendenti del pastificio Agnesi di Imperia, visto che la maggior parte sono padri. Un invito a non mollare, lottare, con la coscienza del fatto che ci sono tante persone ad aiutarli. Sembra che neanche tale poesia abbia sortito un effetto positivo. Peccato. 'Silenzio, chiude Agnesi'.