Rimini - Ieri sera un uomo originario di Capo Verde, ha gettato dell'acido contro il viso della sua ex compagna. La 28enne è stata subito ricoverata d'urgenza nell'ospedale Bufalini di Cesena. La vittima ha subito seri danni soprattutto agli occhi. Sono stati riportati danni anche sull'anca e sulla gamba, dovuti alla colatura dell'acido. L'uomo, 29 anni, è stato fermato in seguito ad un tentativo di fuga, questa mattina dai carabinieri di Rimini.

Il rapporto tra la vittima e il carnefice

La relazione fra l'ex reginetta di bellezza e il suo carnefice era già finita da tempo a causa del comportamento violento dell'uomo. Nell'estate scorsa, la ragazza, stanca delle continue percosse, decide di denunciare.

La procura di Rimini apre quindi un fascicolo contro l'uomo, sfociato in seguito in un provvedimento di ammonimento. L'uomo, a quanto pare, non si è però rassegnato alla fine della relazione e ieri sera ha deciso di colpire ancora. L'uomo, originario di Capo Verde, ha aggredito la sua ex compagna sotto casa sua. L'arma utilizzata è la più crudele e spietata, l'acido. Lo scopo dell'uomo non era solo quello di farle del male. Il fine ultimo era soprattutto quello di distruggere la bellezza dell'ex reginetta.

Ora rischia di diventare cieca

La ragazza è ora ricoverata nel reparto ustioni gravi di Cesena. Il danno più grave riportato è quello agli occhi. La 28enne rischia di diventare cieca. I medici si sono però dimostrati ottimisti e faranno di tutto per salvarle la vista. La storia dell'ex Miss Romagna ricorda molto quella dell'avvocatessa Lucia Annibali, la donna sfregiata con l'acido dal suo fidanzato.

I migliori video del giorno

Lucia era stata anche lei colpita al viso e tutt'oggi porta ancora i segni di quel terribile episodio.

Femminicidi in Emilia Romagna

In Emilia Romagna nel 2016 secondo il Coordinamento dei centri di violenza dell'Emilia Romagna, ci sono stati undici femminicidi e quattro tentati femminicidi. La violenza contro le donne in Emilia Romagna è in aumento. I femminicidi registrati nel 2016 sono infatti il doppio di quelli registrati nel 2015.