Episodio di femminicidio a Rimini. Una ragazza di 28 anni è stata ricoverata ieri sera all'ospedale Bufalini di Cesena perché è stata sfregiata con l'acido dall'ex fidanzato, un uomo originario di Capo Verde. La giovane è stata raggiunta al volto dalla sostanza caustica ed ora rischia di perdere la vista. Le sue condizioni sono gravissime. Carabinieri e poliziotti hanno scoperto ed arrestato l'uomo, nei cui confronti era stato emesso anche provvedimento di ammonimento. Sembra che, in passato, l'ex della ragazza sfregiata si sia comportato, diverse volte, in maniera brutale.

I medici stanno facendo il possibile per salvarle la vista

La 28enne aggredita ieri sera a Rimini dall'ex compagno rischia di perdere la vista.

In queste ore, i medici del nosocomio cesenate stanno facendo il possibile per evitare la cecità alla ragazza. Il capoverdiano è stato messo in manette ed ora è a disposizione degli inquirenti: dovrà spiegare il motivo per cui ha compiuto l'insano gesto. Un'altra donna è rimasta vittima del cinismo e della violenza bruta di un uomo. 2 giorni fa, a Modena, una 27enne è stata aggredita da un ghanese 25enne. Era notte. La ragazza e il fidanzato erano in bici ed avevano deciso di fermarsi prendersi un caffè a un distributore automatico. Mentre attendevano l'erogazione delle bevande, la giovane si è accorta che un uomo stava cercando di rubarle la bici e subito lo ha inseguito. Il ghanese, dopo un breve inseguimento, si è fermato ed ha ferito la 27enne al volto con il coccio di una bottiglia. Una persona ha assistito alla scena ed ha subito chiamato i carabinieri.

I migliori video del giorno

Il ghanese è stato rintracciato e arrestato dai militari nel giro di qualche minuto; la ragazza ferita, invece, è stata trasportata all'ospedale.

Femminicidio: 11 casi in Emilia Romagna nel 2016

Alla ragazza sfregiata ieri sera a Rimini è andata decisamente peggio rispetto a quella aggredita a Modena qualche giorno fa. Il capoverdiano si è recato presso l'abitazione dell'ex e le ha gettato molto acido sul volto.

Dalle informazioni diffuse dal Coordinamento dei centri antiviolenza dell'Emilia Romagna si evince che l'anno scorso, in tale regione, si sono registrati 11 femminicidi e 4 tentati femminicidi.