L'uso dei social sta diventando sempre più capillare e la platea a cui si rivolge è incredibilmente grande. Purtroppo quasi quotidianamente si assiste alla pubblicazione sul web di notizie che sono palesemente false, notizie eclatanti ma che si basano su dati evidentemente sbagliati o addirittura contrari a quello che è il normale buonsenso.

C'è qualche strano e perverso meccanismo mentale per cui le bufale vengono credute e anzi moltissimi utenti le condividono in piena buona fede, creando quel fenomeno per cui queste immagini o notizie diventano "virali", cioè si diffondono a macchia d'olio in modo esponenziale.

Pubblicità
Pubblicità

Concedere la patente agli stranieri su richiesta

Molte di queste notizie fasulle sono create e fatte circolare ad arte sul web con lo scopo di influenzare la società ed orientare le opinioni o semplicemente denigrare il soggetto.

La tecnica è molto semplice e assolutamente ripetitiva, una volta scelto il bersaglio che può essere il governo, un marchio famoso, un personaggio pubblico o una categoria di persone, vi si costruisce una notizia ad hoc, una notizia che faccia scalpore e che possa danneggiare il più possibile la categoria o il soggetto.

Pubblicità

L’ultima bufala – in ordine di tempo – è la notizia (assolutamente falsa) che il Parlamento abbia approvato la modifica dell’articolo 126 ter. del codice della strada concedendo agli immigrati la possibilità di ottenere la Patente gratis. Ma non solo agli immigrati sarebbe concesso un bonus di 10 punti, quindi 30 punti rispetto ai 20 concessi abitualmente.

Il concetto è talmente paradossale che nessuno potrebbe crederci se solo si soffermasse a pensarci un attimo, invece la maggior parte dei lettori vengono prima incuriositi, poi indignati e indotti a condividere la notizia.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Politica

In questo caso si fa leva sulla contrapposizione tra immigrati ed italiani, stuzzicando gli italiani con presunti favoritismi oltre all'assurdità della concessione della patente su semplice richiesta.

Inoltre ci sono errori lapalissiani, come il numero sbagliato dei senatori o la citazione di un articolo inesistente

Patente estera in Italia

In realtà, al di là delle bufale, per il permesso di condurre autoveicoli esiste una ben precisa normativa, per chi possiede una patente dell'Unione Europea non c'è problema ed è valida a tutti gli effetti.

Gli stranieri con patente extra-UE possono invece circolare in Italia per il tempo massimo di 1 anno a patto di avere insieme alla patente una traduzione integrale e ufficiale e che il loro stato di provenienza faccia parte dell'elenco di quelli per cui la patente è convertibile in Europa. Questo elenco è consultabile sul sito della Motorizzazione. Nei casi diversi la patente dovrà essere riottenuta dopo aver sostenuto un apposito esame.

Pubblicità

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto